• Alfredo Saggioro

QUANDO LA DIETA MODIFICA I BATTERI (TUTTI QUEI PICCOLI BATTERI CHE VIVONO CON NOI E DENTRO DI NOI E


Vorremmo segnalarvi un articolo molto interessante, il cui titolo tradotto suona così: ”Disbiosi del microbiota intestinale indotta dalla dieta ed effetti su immunità e rischio di malattia”, frutto degli studi dei seguenti ricercatori:

Brown K, DeCoffe D, Molcan E e Gibson DL - Department of Biology, University of British Columbia Okanagan, Kelowna BCV1V1V7, Canada.

Se volete leggerlo integralmente, in lingua originale, lo trovate qui.

Cercheremo, comunque, di riassumerlo, perché presenta degli spunti veramente interessanti.

Il microbiota gastrointestinale (GI) è l'insieme di microbi che risiedono nel tratto GI e rappresenta la più grande fonte di antigeni non-self, cioè proteine non appartenenti propriamente alla struttura nel corpo umano, anche se un dialogo con il sistema immunitario è possibile, a barriera mucosa integra.

Il tratto GI funziona come un organo immunologico fondamentale, poiché deve mantenere tolleranza verso gli antigeni commensali e dietetici pur rimanendo sensibile a reagire agli stimoli patogeni. Questo significa che deve adattarsi ai suoi ospiti, ma nello stesso tempo essere pronto a reagire, se questi iniziano ad alzare la testa e creare problemi. Se questo equilibrio viene interrotto, si possono determinare processi infiammatori inappropriati, anche di basso grado e quindi non avvertiti, ma che comunque recano danno delle cellule dell’ospite e/o autoimmunità.

I dati della letteratura suggeriscono che la composizione del microbiota intestinale può influenzare la suscettibilità alle malattie croniche del tratto intestinale comprese colite ulcerosa, morbo di Crohn, malattia celiaca e la sindrome dell'intestino irritabile, nonché altre malattie sistemiche come, ad esempio, obesità, diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2.

Interessante da considerare come una considerevole variazione nella dieta abbia coinciso con l'incidenza aumentata di molte di queste malattie infiammatorie. Originariamente si credeva che la composizione del microbiota intestinale fosse relativamente stabile a partire dalla prima infanzia; tuttavia, dati recenti suggeriscono che la dieta può causare disbiosi, un'alterazione nella composizione del microbiota, che potrebbe portare a risposte immunitarie aberranti.

Vediamo intanto quali siano alcuni dati disponibili sulla qualità della dieta e le variasioni possibili del microbiota:

Le variazioni della composizione microbica nel tratto GI hanno effetti profondi sulle risposte infiammatorie e metaboliche del nostro organismo. Ad esempio, diete ricche in proteine aumentano l'attività degli enzimi batterici quali β-glucuronidasi, azoriduttasi e nitroriduttasi, che producono metaboliti tossici che attivano le risposte infiammatorie.

A causa dell'intricato equilibrio che esiste all'interno del microbiota, alterazioni in un gruppo o specie non influirà solo direttamente l'ospite, ma potrà anche disturbare l'intera comunità microbica.

Ad esempio, membri dai phyla Actinobacteria, Verrucomicrobium, Firmicutes e Bacteroidetes possono degradare carboidrati complessi non assorbiti dall'ospite e possono anche inibire la crescita di agenti patogeni opportunistici come Clostridium spp. e membri delle Enterobatteriacee come E. coli.

La disbiosi può anche alterare l'attività metabolica degli altri membri del microbiota nell'intestino.

Così, è immaginabile che alcune diete promuovano la crescita di microbi che potrebbero avere ripercussioni negative sul loro ospite, mentre altri fattori dietetici potrebbero promuovere microbi benefici.

Non è noto se la disbiosi indotta dalla dieta sia un evento temporaneo o a lungo termine.

Se la disbiosi è un evento a lungo termine, la nutrizione postnatale potrebbe essere utilizzata per promuovere cambiamenti precoci nel microbiota, proprio nel periodo di sviluppo di un microbiota più stabile.

A sostegno di questa affermazione, il consumo di formule alimentari per la prima infanzia, arricchite di olio di pesce hanno la capacità di alterare la composizione microbica nell'infante; tuttavia, non si sa se questi cambiamenti microbici siano a lungo termine o transitori.

Sebbene questo studio non abbia individuato i cambiamenti microbici specifici che si verificavano, né abbia esaminato gli effetti sull'immunità intestinale, tuttavia suggerisce che il microbiota potrebbe essere modificato attraverso fattori dietetici in grado di arricchire i microbi benefici e prevenire malattie associate a disbiosi.

Questo è vero per quanto riguarda le variazioni di contenuti alimentari, altrettanto vero se si pensa agli effetti dell’alimentazione sull’integrazione con probiotici o simbiotici, che potrebbero risultare potenziati di efficacia o depressi, a seconda della dieta che si segue in concomitanza alla loro assunzione.

Correggere il microbiota è quindi possibile, ma anche questo va fatto su base individuale e con una scelta di modificazioni dell'alimentazione e integrazione di "batteri amici" che deve essere fatta non casualmente, ma sulla base di un approfondimento di Medicina Funzionale, per evidenziare quello che meglio si adatta al singolo soggetto. Guardate questo breve video.

Per sapere di più:

1. Zhang C., Zhang M., Wang S., Han R., Cao Y., Hua W., Mao Y., Zhang X., Pang X., Wei C., et al. Interactions between gut microbiota, host genetics and diet relevant to development of metabolic syndromes in mice. ISME J. 2010;4:232–241. doi: 10.1038/ismej.2009.112. [PubMed] [Cross Ref]

2. Turnbaugh P.J., Ridaura V.K., Faith J.J., Rey F.E., Knight R., Gordon J.I. The effect of diet on the human gut microbiome: A metagenomic analysis in humanized gnotobiotic mice. Sci. Transl. Med. 2009;1 [PMC free article] [PubMed]

3. Walker A.W., Sanderson J.D., Churcher C., Parkes G.C., Hudspith B.N., Rayment N., Brostoff J., Parkhill J., Dougan G., Petrovska L. High-Throughput clone library analysis of the mucosa-associated microbiota reveals dysbiosis and differences between inflamed and non-inflamed regions of the intestine in inflammatory bowel disease. BMC Microbiol. 2011;11:7. doi: 10.1186/1471-2180-11-7. [PMC free article] [PubMed] [Cross Ref]

4. Santacruz A., Marcos A., Warnberg J., Marti A., Martin-Matillas M., Campoy C., Moreno L.A., Veiga O., Redondo-Figuero C., Garagorri J.M., et al. Interplay between weight loss and gut microbiota composition in overweight adolescents. Obesity (Silver Spring) 2009;17:1906–1915. [PubMed]

5. Pokusaeva K., Fitzgerald G.F., van Sinderen D. Carbohydrate metabolism in bifidobacteria. Genes Nutr. 2011;6:285–306. doi: 10.1007/s12263-010-0206-6. [PMC free article] [PubMed] [Cross Ref]

6. Berg A.M., Kelly C.P., Farraye F.A. Clostridium difficile infection in the inflammatory bowel disease patient. Inflamm. Bowel Dis. 2012 [PubMed]

7. Begley M., Hill C., Gahan C.G. Bile salt hydrolase activity in probiotics. Appl. Environ. Microbiol. 2006;72:1729–1738. doi: 10.1128/AEM.72.3.1729-1738.2006. [PMC free article] [PubMed] [Cross Ref]

8. Zimmer J., Lange B., Frick J.S., Sauer H., Zimmermann K., Schwiertz A., Rusch K., Klosterhalfen S., Enck P. A vegan or vegetarian diet substantially alters the human colonic faecal microbiota. Eur. J. Clin. Nutr. 2012;66:53–60. doi: 10.1038/ejcn.2011.141. [PubMed] [Cross Ref]

9. Turnbaugh P.J., Backhed F., Fulton L., Gordon J.I. Diet-Induced obesity is linked to marked but re​versible alterations in the mouse distal gut microbiome. Cell Host Microbe. 2008;3:213–223. doi:1016/j.chom.2008.02.015. [PMC free article] [PubMed] [Cross Ref]

10. De la Serre C., Ellis C.L., Lee J., Hartman A.L., Rutledge J.C., Raybould H.E. Propensity to high-fat diet-induced obesity in rats is associated with changes in the gut microbiota and gut inflammation. Am. J. Physiol. 2010;299:G440–G448. [PMC free article] [PubMed]

11. Hildebrandt M.A., Hoffmann C., Sherrill-Mix S.A., Keilbaugh S.A., Hamady M., Chen Y.Y., Knight R., Ahima R.S., Bushman F., Wu G.D. High-Fat diet determines the composition of the murine gut microbiome independently of obesity. Gastroenterology. 2009;137:1716–1724. doi:1053/j.gastro.2009.08.042. [PMC free article] [PubMed] [Cross Ref]

12. Devkota S., Wang Y., Musch M. Dietary-Fat-Induced taurocholic acid promotes pathobiont expansion and colitis in II10−/− mice. Nature. 2012 [PMC free article] [PubMed]

Se vi è piaciuta questa breve considerazione, iscrivetevi al sito www.medicinafunzionale.org lasciando la vostra e-mail. Verrete informati di ogni nuovo post.

Buona salute!

Alfredo Saggioro, MD

Chiara Saggioro, D.Sci., Ph.D.

www.medicinafunzionale.org

#additivialimentari #dietaprivadiglutine #batteriintestinali #saluteintestinale #microbioma #microbiotaintestinale #microfloraintestinale #alimentisalutari #alimentisalutistici #leakygut #intestinopermeabile

0 visualizzazioni

CONTATTACI PER UN APPUNTAMENTO

Prof. ALFREDO SAGGIORO

Gastroenterologia, Epatologia, Medicina Interna, Medicina Funzionale

 

Dr.ssa CHIARA SAGGIORO

chiara.saggioro@medicinafunzionale.org

Biologa  D.Sci., Ph.D. 

Nutrizionista  Funzionale

PER CONSULENZE CON LA DOTT.SSA SAGGIORO SCIVERE DIRETTAMENTE ALLA SUA MAIL 

PER APPUNTAMENTI PROF. SAGGIORO:

 

CENTRO DI MEDICINA

Viale Ancona 5

Mestre Tel. 0415322500

Treviso Tel. 0422698111


CENTRO MARCONI DUE

Bologna 

Tel. 348.7122608

dalle 10 alle 14 (eventualmente lasciando sms)

STUDIO SIMONACCI

Roma 

Tel.  348.7122608

dalle 10 alle 14 (eventualmente lasciando sms)

BIO-ZONE

Acireale (CT)

Tel. 3205512583

Seguimi su:

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • w-blogger
  • w-rss

© 2023 by Taylor.R. Proudly created with Wix.com