• Alfredo Saggioro

UN DECALOGO PER LE MALATTIE AUTOIMMUNI


A chiunque sia detto di essere affetto da una condizione autoimmune e una volta fatta la diagnosi, il vivere con una malattia autoimmune può essere un'esperienza solitaria. Molte persone aspettano anni per scoprire perché sono malate, e una volta che la diagnosi è finalmente fatta, ricevono poche scelte terapeutiche dal loro medico.

Il problema per cui, con i modelli tradizionali di cura, lo schema terapeutico risulta solo sintomatico, è che si tratta di un approccio obsoleto che considera il corpo come una macchina con parti separate.

Avete ricevuto una diagnosi di malattia, e a questa è abbinato un farmaco corrispondente.

Se la diagnosi non è possibile, perché il quadro clinico non rientra perfettamente nello schema dei trattati di medicina, siete spesso etichettati come depressi e somministrato un antidepressivo.

Vi può capitare di andare da specialista a specialista: gastroenterologi, endocrinologi e reumatologi e ricevere più farmaci, vale a dire immunosoppressori o terapia steroidea.

In realtà, il vostro corpo è una rete complessa e interconnessa di biochimica, la più complicata che possiate immaginare.

Non esistono pillole magiche.

Abbiamo già trattato queste affezioni per indicare quelle che consideriamo le cause principali di un aumento epidemico delle patologie autoimmuni.

Le patologie autoimmuni spesso iniziano con una suscettibilità genetica, ma ci sono molti fattori esterni che sono anche collegati con l'autoimmunità.

La visione antica e tradizionale della genetica era che se vostra mamma o papà o nonni avevano una malattia, eravate predestinati ad avere questa condizione di salute.

Oggi, tuttavia, la scienza prende in considerazione il campo dell’epigenetica, o studio di come stile di vita e fattori ambientali istruiscono i vostri geni, determinandone il modo in cui possono essere espressi o bloccati.

Gli alimenti che voi mangiate o non mangiate, le sostanze nutrienti che assumete o non assumete, i livelli di stress e la vostra capacità di controllarli, le vostre abitudini di sonno e l'esposizione alle tossine determinano attivamente e in maniera dinamica l'espressione genica.

Quindi, invece di guardare alla genetica come a un verdetto non modificabile nei confronti della vostra vita, dobbiamo prendere in considerazione come questi fattori epigenetici siano in grado di accendere o spegnere i geni buoni e cattivi.

Quando si tratta di patologie autoimmuni, una volta che l'interruttore genetico è stato acceso, esso non si spegne nuovamente. Detto questo, la risposta autoimmune può essere attenuata e anche invertita in modo molto efficace e naturale. Spetta a noi modulare il nostro sistema immunitario e riconquistare la nostra salute.

Ecco alcuni suggerimenti per iniziare a riprendere la vostra salute nelle vostre mani, come bene esprime il logo della nostra Medicina Funzionale, e ritornare padroni della vostra vita. È un vero decalogo da apprendere e mettere in pratica:

  1. Conoscere il livello della permeabilità intestinale. L’intestino è dove risiede la maggior parte del vostro sistema immunitario. Quando il rivestimento protettivo dei visceri è compromesso, può dare origine a una risposta autoimmune in tutto il corpo. Qualche volta può essere necessario effettuare esami di laboratorio per verificare il livello della permeabilità intestinale dei nostri pazienti, in modo da poter affrontare questo importante componente sottostante per riacquistare la salute. Spesso è la storia clinica che ci dice come questo aspetto sia gravemente compromesso.

  2. Guarire il vostro intestino. Una volta che siete consapevoli che la permeabilità intestinale può essere alterata e se avete problemi secondari come la sovracrescita batterica intestinale nel piccolo intestino (SIBO) o infezioni batteriche, da lieviti o parassitarie croniche, potrete iniziare il processo di guarigione. Ci sono molti approcci a questo aspetto della salute, ma ecco alcune fondamentali informazioni generali sui metodi naturali per guarire l'intestino.

  3. Conoscere i vostri livelli di anticorpi. A seconda delle vostre specifiche condizioni autoimmuni, ci saranno anticorpi elevati, proteine ​​che fanno parte del vostro sistema di difesa immunitaria. Conoscere i i livelli specifici di anticorpi aiuterà a valutare il processo di guarigione da una prospettiva obiettiva di laboratorio. Conoscere i livelli di anticorpi associati ad altre patologie autoimmuni rilevanti, inoltre, darà un'idea di eventuali problemi secondari da affrontare.

  4. Evitare il glutine. Se siete affetti da una condizione autoimmune, non avete davvero bisogno di un laboratorio per sapere che dovreste evitare il glutine. Questa proteina, che si trova nel grano, nel farro, nella segale, nel malto e nell'orzo, è legata a molte condizioni autoimmuni. Anche se qualche volta facciamo eseguire esami completi di laboratorio per verificare un’intolleranza al glutine in alcuni casi di soggetti con malattie autoimmuni, per conoscere in modo preciso il livello della loro intolleranza, il rimuovere completamente il glutine per 60 giorni, e quindi reintrodurlo, può anche essere un test utile per alcune persone.

  5. Trovare i vostri alimenti cross-reattivi e rimuoverli. Anche i cereali senza glutine come il mais e il riso possono infiammare il sistema immunitario in alcune persone. Il mimetismo molecolare è un fenomeno che avviene quando il vostro organismo confonde le proteine ​​simili trovate in alcuni cibi, con quello proprie del vostro organismo ed è qualcosa che vediamo molto spesso nella nostra pratica. Scoprite se avete qualche reazione crociata con il cibo che state mangiando. Questo può essere molto utile per le persone che hanno ripulito la loro dieta, ma hanno ancora sintomi.

  6. Rendere la disintossicazione una pratica regolare. Le persone con patologie autoimmuni possono anche avere alterati percorsi di disintossicazione, quindi aiutare il vostro corpo quotidianamente a rimuovere le tossine è una buona idea per le persone con condizioni autoimmuni. Mangiare una discreta quantità di verdure a foglia verde come cavoli e spinaci ed evitare lo zucchero e gli alimenti trasformati aiuterà il vostro organismo in molti modi diversi.

  7. Aggiungere tè verde e curcuma alla vostra dieta. Questi alimenti hanno dimostrato di smorzare la risposta autoimmune nell’organismo, in particolare nel cervello.

  8. Evitare sale da tavola raffinato. Il sale da cucina ha dimostrato di aggravare e aumentare alcune condizioni autoimmuni.

  9. Gestire lo stress. Non sorprende che lo stress cronico sia come la benzina per una condizione autoimmune. Molti dei nostri pazienti hanno notato l'insorgenza della loro condizione, cioè la prima comparsa dei sintomi, a seguito di eventi di vita molto stressanti. La pratica regolare della meditazione o del tai chi può aiutarvi a possedere strumenti per gestire meglio lo stress e bilanciare, in questo modo, il vostro sistema immunitario.

  10. Aumentare i livelli di glutatione. Questo importante nutriente è anche carente in molte persone con problemi di salute. Mangiare in abbondanza verdure ricche di zolfo come cipolle, cavoli e broccoli aiuta nella metilazione, un percorso biochimico che produce naturalmente il glutatione.

È importante fare tutto questo contemporaneamente. La malattia autoimmune forse non è curabile, ma può essere gestibile, e c'è così tanto che potete fare naturalmente per mettere la vostra autoimmunità in remissione. Resta cioè la memoria, come in un soggetto vaccinato, ma allontanando i fattori di rischio o scatenanti e mettendo il sistema immunitario a riposo, anche l’attività aggressiva andrà a zero.

Questi suggerimenti sono grandi passi per invertire la malattia autoimmune e vivere una vita attiva e sana. Abbiamo visto innumerevoli persone con orribili sintomi autoimmuni recuperare completamente la loro salute e, per questo motivo scriviamo questo, e siamo a vostra disposizione.

Buona salute!

Chiara Saggioro, D.Sci., Ph.D.

Alfredo Saggioro, M.D.

#autismo #autoimmune #salutecerebrale #fibromialgia #intolleranzealimentari #medicinafunzionale #saluteintestinale #leakygut #tiroide #permeabilità

2,220 visualizzazioni

CONTATTACI PER UN APPUNTAMENTO

Prof. ALFREDO SAGGIORO

Gastroenterologia, Epatologia, Medicina Interna, Medicina Funzionale

 

Dr.ssa CHIARA SAGGIORO

chiara.saggioro@medicinafunzionale.org

Biologa  D.Sci., Ph.D. 

Nutrizionista  Funzionale

PER CONSULENZE CON LA DOTT.SSA SAGGIORO SCIVERE DIRETTAMENTE ALLA SUA MAIL 

PER APPUNTAMENTI PROF. SAGGIORO:

 

CENTRO DI MEDICINA

Viale Ancona 5

Mestre Tel. 0415322500

Treviso Tel. 0422698111


CENTRO MARCONI DUE

Bologna 

Tel. 348.7122608

dalle 10 alle 14 (eventualmente lasciando sms)

STUDIO SIMONACCI

Roma 

Tel.  348.7122608

dalle 10 alle 14 (eventualmente lasciando sms)

BIO-ZONE

Acireale (CT)

Tel. 3205512583

Seguimi su:

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • w-blogger
  • w-rss

© 2023 by Taylor.R. Proudly created with Wix.com