• Alfredo Saggioro

ALOGENI. NON SOLO LAMPADINE. AMICI O NEMICI?


Ci sono argomenti che, anche se importanti, vengono trattati raramente: eppure coinvolgono la vostra salute in modo sostanziale. Ci rivolgiamo a tutti, ma particolarmente ai nostri amici che presentano problemi di tiroide, poiché, con un po' di attenzione, si potrebbero raggiungere risultati molto significativi per la salute.

Vorremmo presentarvi gli alogeni che sono una famiglia di elementi non metallici, presenti sulla tavola periodica degli elementi, che condividono proprietà chimiche simili.

Tre di questi alogeni sono tossici per il vostro organismo. Questi tre elementi tossici includono il fluoro (si pensi al fluoro dei dentifrici), il cloro e il bromo.

Un altro alogeno, lo iodio, è l'unico di cui il corpo umano ha bisogno. Il fluoro, il cloro e il bromo sono tossici di per sé, ma sono anche molto dannosi perché tendono a bloccare i recettori dello iodio nell’organismo, impedendo, quindi, di utilizzare lo iodio di cui ha bisogno.

Comprendete quindi perché ci rivolgiamo in particolare a chi ha problemi di tiroide?

Gli alogeni sono i cinque elementi chimici che compongono il Gruppo 17 sulla tavola periodica degli elementi: fluoro, cloro, bromo, iodio e astato.

Alogeno deriva dal greco e significa "produrre sale marino". Gli alogeni sono tutti chimicamente attivi. Per questo motivo, nessuno si presenta naturalmente sotto forma di elemento. Tuttavia, con l'eccezione di astato, sono molto diffusi e abbondanti nei composti chimici. Il più conosciuto di questi composti è il cloruro di sodio, o sale da tavola comune.

Il fluoro e il cloro sono gas. Il bromo è uno dei due soli elementi liquidi. Lo iodio è un solido. L'astato è radioattivo ed è uno degli elementi chimici più rari. Il fluoro è il più reattivo di tutti gli elementi conosciuti. La reattività chimica diminuisce in tutta questa famiglia di elementi, con il fluoro che è il più reattivo di tutti gli elementi noti, mentre il cloro, il bromo e lo iodio sono relativamente meno reattivi.

Composti semplici degli alogeni sono chiamati alogenuri. Quando un alogeno diventa parte di un composto con un altro elemento, il suo nome viene modificato in un finale -uro; per esempio, un cloruro.

FLUORO

Il nome fluoro deriva dal nome del minerale in cui è stato trovato l'elemento, la fluorite. Il fluoro era uno degli ultimi elementi comuni da isolare. È così reattivo che i chimici hanno cercato per oltre 70 anni di trovare un modo per estrarre l'elemento dai suoi composti. Poi, nel 1886, il chimico francese Henri Moissan (1852-1907) trovò un modo per produrre fluoro passando una corrente elettrica attraverso una miscela liquida di fluoruro di potassio e acido fluoridrico. Il metodo di Moissan è ancora utilizzato oggi, con alcune modifiche, per la produzione del fluoro.

Proprietà e usi.

Il fluoro è una delle sostanze chimiche più pericolose conosciute. Attacca la pelle e la gola, causando gravi ustioni e problemi respiratori a concentrazioni molto basse. È anche molto reattivo chimicamente. Attacca la maggior parte delle sostanze chimiche vigorosamente a temperatura ambiente e reagisce in modo esplosivo con l'acqua.

Un'indicazione della reattività del fluoro è che forma anche composti con la famiglia di elementi noti come i gas inerti. I gas inerti includono elio, neon, argon, krypton e xeno. Prendono il loro nome dal fatto che generalmente non si combinano con nessun altro elemento. Tuttavia, sono stati prodotti composti di xeno e fluoro e cripton e fluoro. Sono gli unici composti conosciuti dei gas inerti che sono stati scoperti.

Parole da conoscere

  • Attività chimica: la tendenza a formare composti chimici.

  • Composto: la combinazione di due o più elementi in un rapporto di massa definito.

  • Radioattivo: la tendenza di un elemento di rompere spontaneamente in uno o più elementi.

  • Sintetizzato: preparato dagli scienziati in un laboratorio; non è un processo naturale.

Poiché è così reattivo, il fluoro stesso ha pochi usi. Un'eccezione è il suo ruolo come agente ossidante (bruciante) nei combustibili per razzi. La stragrande maggioranza del fluoro, tuttavia, è utilizzata per produrre composti. Uno dei più interessanti di questi composti è l'acido fluoridrico. Questo composto è stato utilizzato dal 1600 per incidere il vetro.

Forse l'applicazione più familiare dei composti del fluoro è negli additivi per dentifricio. Gli scienziati hanno scoperto che l'aggiunta di piccole quantità di fluoro nella dieta di una persona può ridurre il numero di carie dentali (cavità) che si sviluppano. Oggi, molti tipi di dentifrici includono il fluoruro stannoso per migliorare la salute dentale di una persona.

Per molti anni, il gruppo più importante di composti del fluoro utilizzati commercialmente erano i clorofluorocarburi (CFC). I CFC sono stati sviluppati e utilizzati come refrigeranti, agenti espandenti per schiuma poliuretanica e propellenti in bombolette spray. In una sola volta, più di 700 milioni di chilogrammi (2 miliardi di euro circa) di CFC sono stati prodotti in un solo anno.

Negli anni '80, tuttavia, gli scienziati hanno scoperto che i CFC danneggiano l'atmosfera. Il cloro formatosi a seguito di questa rottura attacca lo strato di ozono nella stratosfera terrestre (la parte dell'atmosfera terrestre che si estende da 7 a 31 miglia [da 11 a 50 chilometri] sopra la superficie). La perdita dello strato di ozono è un problema serio per gli esseri umani poiché l'ozono scherma le radiazioni che causano il cancro della pelle e provoca altri danni alle piante e agli animali sulla Terra. Oggi, gli scienziati stanno esplorando l'uso di un'altra classe di composti del fluoro - gli idroclorofluorocarburi, o HCFC - come sostituti dei CFC.

CLORO

Il cloro fu preparato per la prima volta nel 1770 dal chimico svedese Carl Wilhelm Scheele (1742-1786), il quale pensò che fosse un composto. In seguito fu identificato come elemento dal chimico inglese Humphry Davy (1778-1829). Davy suggerì il nome di cloro per l'elemento a causa del suo colore giallo-verdastro. (La parola greca per "giallo-verdastro" è cloros).

Il cloro si presenta più abbondantemente nel cloruro di sodio, che si ottiene dall'acqua di mare e dai depositi sotterranei di sali rocciosi formati da mari che si sono prosciugati. Per ottenere il cloro, una corrente elettrica è fatta passare attraverso la salamoia, una soluzione acquosa di cloruro di sodio.

Proprietà e usi.

Il gas di cloro è tossico. Attacca le vie respiratorie, causando tosse, congestione e sintomi simil-influenzali.

In dosi elevate, può essere fatale.

Per questo motivo, il cloro fu usato come arma chimica durante la prima guerra mondiale (1914-18).

Il cloro è anche molto reattivo, anche se meno del fluoro. Forma composti con quasi ogni altro elemento. Tra i più importanti di questi composti vi sono il cloruro di sodio (sale da cucina), il cloruro di potassio, l'acido cloridrico e il cloruro di calcio.

Il cloro si colloca costantemente tra le prime dieci sostanze chimiche prodotte negli Stati Uniti. Alcuni usi del cloro dipendono dai suoi effetti tossici. Ad esempio, il cloro è ora ampiamente utilizzato come disinfettante nei sistemi idrici comunali, nelle piscine e negli impianti di trattamento delle acque reflue. Molti composti organici (contenenti carbonio) di cloro sono usati come pesticidi, erbicidi e fungicidi. Questi composti uccidono insetti, erbe infestanti, funghi e altre piante e animali indesiderati. L'uso di questi composti è spesso associato a effetti ambientali indesiderati, tuttavia. Il DDT, per esempio, è un composto contenente cloro che una volta era uno dei pesticidi più popolari mai prodotti. Ma i suoi effetti dannosi su pesci, uccelli e altri animali nell'ambiente portarono alla fine a vietarne l'uso in molte nazioni industrializzate.

La clorazione

La menzione del cloro fa venire in mente l'estate e le piscine per la maggior parte delle persone. Il cloro è aggiunto alle piscine e alle terme per uccidere i batteri presenti nell'acqua che potrebbero altrimenti causare malattie. Il processo di aggiunta di cloro in una piscina si chiama clorurazione. La clorurazione è utilizzata anche per altri scopi di purificazione, come nella purificazione delle risorse idriche pubbliche.

La clorazione può essere fatta in vari modi. In alcuni casi, il cloro gassoso è pompato direttamente nell'acqua. In altri casi, all'acqua è aggiunto un composto contenente cloro, come sodio o ipoclorito di calcio. Quando questo composto si rompe, il cloro e altre sostanze depurative sono rilasciate nell'acqua.

Il termine clorurazione si applica più generalmente a qualsiasi reazione chimica in cui il cloro è aggiunto ad altre sostanze. Ad esempio, il cloro e il gas metano possono essere fatti reagire l'uno con l'altro per formare una serie di composti contenenti cloro. Le più note di questa serie sono il triclorometano (noto anche come cloroformio, usato come anestetico) e il tetraclorometano (noto anche come tetracloruro di carbonio, usato come solvente e refrigerante).

Il cloro è anche usato nello sbiancamento di carta, polpa e tessuti. La più grande applicazione singola dell'elemento è nella preparazione di una grande varietà di composti, tra cui cloruri organici che sono il punto di partenza nella produzione di materie plastiche e altri tipi di polimeri (composti chimici che consistono in unità strutturali ripetute). Uno dei più importanti di questi polimeri è il polivinilcloruro (PVC), dal quale vengono prodotti tubi di plastica e molti altri prodotti in plastica. Un altro è il neoprene, una forma sintetica di gomma resistente agli effetti del calore, dell'ossidazione e degli oli. Il neoprene è ampiamente utilizzato nelle parti di automobili.

BROMO

Il bromo fu scoperto nel 1826 dal chimico francese Antoine-Jérôme Balard (1802-1876). Balard ha scelto il nome bromo dalla parola greca che significa "puzza", a causa del suo odore forte e sgradevole. Come il cloro, il bromo è ottenuto dalla salamoia. Il gas di cloro è utilizzato per convertire i composti di bromuro in salamoia in bromo elementare.

Proprietà e usi.

Il bromo è un bel liquido bruno-rossastro che vaporizza facilmente (si trasforma in un gas). I vapori sono irritanti per gli occhi e la gola. Il liquido è molto corrosivo e può causare gravi ustioni se versato sulla pelle. Il bromo è chimicamente meno attivo del fluoro e del cloro ma è più attivo dello iodio.

Come il cloro, il bromo può essere usato come disinfettante. In effetti, alcuni sistemi di trattamento delle acque sono stati convertiti dalla clorurazione alla bromurazione per purificare l'acqua. Per molti anni uno dei più importanti composti di bromo era il di-bromuro di etilene, un additivo in benzine al piombo. Poiché la benzina con piombo è stata rimossa dal mercato, quest’uso è diminuito.

Il prodotto in cui è probabile che molte persone incontrino composti di bromo sono le pellicole fotografiche, anche se l'era digitale ne ha ridotto notevolmente l'uso e le radiografie. Piccoli cristalli di bromuro d'argento subiscono un cambiamento chimico se esposti alla luce. Questo cambiamento è responsabile dell'immagine prodotta quando il film fotografico è utilizzato per scattare una foto.

Il bromo viene anche usato per produrre numerosi prodotti biologici che fungono da pesticidi. Il più popolare di questi è attualmente il bromuro di metile, un fumigante (un'altra parola per una sostanza usata per distruggere i parassiti). Il bromuro di metile è usato come spray per patate, pomodori e altre colture agricole.

Gli halon sono un gruppo di composti organici che contengono bromo e almeno un altro alogeno. Gli halon sono popolari come ritardanti di fiamma. Tuttavia, gli scienziati hanno scoperto che, come i CFC, sembrano causare danni allo strato di ozono della Terra. Per questo motivo, il loro uso è stato ampiamente ridotto in tutto il mondo.

IODIO

Lo iodio fu scoperto per caso nel 1811 dal chimico francese Bernard Courtois (1777-1838). Courtois stava bruciando le alghe per raccogliere il nitrato di potassio quando notò che veniva prodotto un bel vapore viola. Quando il vapore si raffreddava, si trasformava in cristalli scuri, lucidi e metallici. Humphry Davy in seguito suggerì il nome iodio per l'elemento dalla parola greca iodos, per "viola".

Come con cloro e bromo, lo iodio è ottenuto dall'acqua di mare. Può anche essere prodotto dal salnitro del Cile (nitrato di sodio), in cui si presenta sotto forma d’impurità sotto forma di iodato di sodio (NaIO3).

Proprietà e usi. I vapori di iodio sono irritanti per gli occhi e il sistema respiratorio. Lo iodio è fortemente tossico se ingerito. Lo iodio è il meno attivo degli alogeni comuni (senza contare l'astato).

Il corpo umano utilizza lo iodio per produrre la tiroxina, un importante ormone (messaggero chimico) prodotto dalla ghiandola tiroidea. Se nella dieta sono presenti quantità insufficienti di iodio, una persona può sviluppare un condizione nota come gozzo, un allargamento a volte notevole della tiroide. Una volta scoperta la relazione tra iodio e gozzo, i produttori di sale da cucina hanno iniziato ad aggiungere iodio (sotto forma di ioduro di sodio) al loro prodotto (sale iodato). Questa pratica ha in gran parte eliminato il problema del gozzo nelle moderne nazioni sviluppate.

Lo iodio viene anche usato commercialmente in una varietà di prodotti tra cui coloranti, saponi specializzati, lubrificanti, pellicole fotografiche, medicinali e prodotti farmaceutici.

ASTATO

L'astato è generalmente considerato uno degli elementi naturali più rari. Secondo alcune stime, non più di 44 milligrammi dell'elemento si trovano nella crosta terrestre. Non sorprende, quindi, che l'elemento sia stato inizialmente prodotto sinteticamente. Nel 1940, tre fisici dell'Università della California a Berkeley-D. R. Corson, K. R. Mackenzie ed Emilio Segrè (1905-1989) fecero l'astato bombardando l'elemento bismuto con particelle alfa in un ciclotrone (un acceleratore di particelle o un atomizzatore).

Esistono circa 24 isotopi (forme) di astato, tutti radioattivi. La vita più lunga ha un'emivita di 8,3 ore, il che significa che la metà di un campione dell'elemento scompare in 8,3 ore. Poiché è così raro e ha un'emivita così breve, l'astato è uno degli elementi chimici più scarsamente comprensibili. Non ha applicazioni pratiche in questo momento.

Dopo questa breve introduzione/presentazione dei nostri attori, ora cerchiamo di vedere come l’organismo umano si rapporta con essi, partendo da un concetto:

GLI ALOGENI NON RAPPRESENTANO DEI VERI NEMICI. MA IL PRIMO (DI TRE) DA EVITARE È IL FLUORO:

Se dovessimo chiedere a qualcuno di voi a cosa serve il Fluoro, probabilmente ci rispondereste che è responsabile della salute dei denti e usato per prevenire la carie. Il Fluoro è utilizzato, in genere, sotto forma di sali che si chiamano Fluoruri.

Ci sono altri usi del Fluoruro che, peraltro, sono molto più inquietanti. Il fluoruro è spruzzato sulle colture alimentari come pesticida. Viene anche usato negli insetticidi domestici ed è aggiunto alle riserve idriche municipali. È possibile trovare del fluoruro aggiunto in alcune acque in bottiglia, in molte marche di dentifricio, negli alimenti per bambini e in prodotti come i pomodoro importati, alcuni succhi di frutta, cereali lavorati, vino, birra, bevande gassate e tè.

Perché deve preoccuparci la presenza di fluoruri in quello che ingeriamo?

Il fluoro è stato preso seriamente in considerazione fra le cause del cancro della tiroide. Il fluoro funziona bloccando i recettori dello iodio nella tiroide. Influisce sul meccanismo di feedback che regola l'asse tiroideo-ipofisario, e quindi causa un aumento dei livelli di ormone stimolante la tiroide (TSH). Questo può attivare le cellule tumorali attivando un sistema enzimatico noto come "adenilato-ciclasi", che ha a che fare con il legame al TSH e la stimolazione del TSH. Le cellule del cancro della tiroide non sono le uniche cellule attivate dal fluoruro, però. Tutti i tumori ormono-correlati come seno, ovaie, utero, prostata, testicoli e tiroide condividono il meccanismo per cui le cellule cancerose sono attivate dall'adenilato-ciclasi, che a sua volta è attivata dai fluoruri.

In passato, il fluoruro era usato come farmaco per il trattamento dell'ipertiroidismo perché, secondo il National Institute of Health, il fluoro "riduce l'attività tiroidea in modo abbastanza efficace". Il fluoruro è stato sostituito nei primi anni '40 dal farmaco anti-tiroideo, il propiltiouracile (PTU), che ora è considerato cancerogeno a tutti gli effetti. In Cina, il fluoruro è riconosciuto apertamente come causa del cancro alla tiroide e molti agricoltori che vivono in aree contaminate da fluoro sono stati spostati in aree più sicure, attraverso i loro programmi governativi.

Esistono varie forme di fluoro e due dei più comuni sono il fluoruro di calcio e il fluoruro di sodio. Se assunti in eccesso, entrambi i tipi di fluoruro possono essere dannosi per la salute. Il fluoruro di calcio è considerato meno tossico e quindi meno dannoso per la salute del fluoruro di sodio: si trova naturalmente nelle fonti idriche sotterranee. Un altro fatto preoccupante è che in concentrazioni sufficienti, il fluoruro di calcio può indebolire ossa e denti, piuttosto che proteggerli.

Il fluoruro di sodio, d'altra parte, è ancora più distruttivo del fluoruro di calcio, poiché il fluoruro di sodio è aggiunto a molte riserve idriche pubbliche che sono già contaminate con alluminio, cadmio e piombo. Il fluoruro di sodio è nato come sottoprodotto dei rifiuti sintetici dalle industrie dei fertilizzanti, dell'alluminio e del nucleare e ha la capacità di combinarsi con altre sostanze tossiche aumentandone la tossicità.

Il fluoruro di sodio è anche in grado di indebolire il sistema immunitario e danneggiare i reni e il fegato. In particolare, alcuni sintomi della tossicità del fluoruro di sodio sono simili a quelli della fibromialgia, inclusi affaticamento, dolore muscolare, perdita di memoria e insonnia. Il fluoruro di sodio può anche causare nausea, diarrea, dolore addominale e aumento della sete. Un altro fatto inquietante da rilevare è che il fluoruro di sodio trasporta l'alluminio attraverso la barriera emato-encefalica, dove può rappresentare un fattore di rischio nello sviluppo della malattia di Alzheimer. Una volta nel cervello, il fluoro può calcificare la ghiandola pineale, che è responsabile della produzione di melatonina da parte dell’organismo. Senza sufficiente melatonina, il vostro corpo è privato di un sonno efficace e quindi la tiroide non sarà in grado di funzionare correttamente.

Lo sapevate che c'è del fluoruro in farmaci come antidepressivi, antibiotici, farmaci per abbassare il colesterolo, farmaci chemioterapici, antistaminici, antimicotici e persino negli anestetici?

Il takeaway più importante di quanto abbiamo affermato sin qui è che il fluoruro blocca i recettori dello iodio nella ghiandola tiroidea. Per quei lettori che hanno ancora una tiroide, sappiate che il fluoro è in competizione con lo iodio nella ghiandola tiroidea e che la tiroide assorbe quasi sempre il fluoro piuttosto che lo iodio. Quando ciò accade, si blocca la corretta produzione di ormone tiroideo.

L'aggiunta del fluoruro all'acqua potabile è stata descritta negli Stati Uniti come uno dei più grandi successi di salute pubblica del 20° secolo. Il governo ha iniziato a sollecitare i sistemi idrici comunali per aggiungere il fluoruro all'inizio degli anni '50. Sfortunatamente, il fluoro è una sostanza che tende ad accumularsi nell’organismo e continuerà ad aumentare nel vostro corpo se continuate a ingerirlo o assorbirlo. Ed è stato dimostrato che il fluoro non è realmente necessario per mantenere i denti sani, contrariamente a quanto ci hanno detto i media e l'industria dentale per decenni.

Anche se PubMed afferma "Non ci sono prove di alcun effetto deleterio sull'immunità specifica dopo fluorizzazione, né alcun rapporto confermato di reazioni allergiche", e il fluoro è considerato "sicuro", ci sono molti che chiedono di dissentire:

Secondo il dottor Mercola, "i livelli raccomandati di fluoro negli Stati Uniti sono il doppio del livello per cui la funzionalità della tiroide può essere colpita, e la disfunzione della tiroide è dilagante negli Stati Uniti, dove si stima che 20 milioni di persone ne siano affette. Gli effetti collaterali della disfunzione tiroidea comprendono l'aumento di peso e la depressione ". Suggerisce: "ci sono modi molto più sicuri per migliorare la salute dentale".

L'endocrinologo Dr. Terry Davies, professore di medicina presso l'Icahn School of Medicine del Monte Sinai a New York, ha concordato affermando: "Questo drammatico aumento della disfunzione tiroidea associato alla fluorizzazione del rifornimento idrico si aggiunge a studi precedenti che indicano che il fluoruro ha un effetto inibitorio sulla tiroide .. "

Il dottor Robert Barsley, professore alla School of Dentistry del Centro di Scienze della Sanità della Louisiana State University, ha dichiarato: "Non è solo l'acqua che provoca questo (tossicità del fluoro), sono i dentifrici e i collutori che le persone utilizzano. E la gente vuole dei bei denti bianchi, quindi pulisce i denti anche tre o più volte al giorno."

La National Academy of Sciences ha raccomandato all'EPA di abbassare il livello massimo consentito di fluoro nell'acqua potabile. Il loro rapporto ha avvertito che "fluorosi grave", un disturbo derivante dall'assorbimento di troppi fluoro, potrebbe verificarsi a 2 parti per milione. E la maggior parte degli autori del rapporto afferma che una vita di assunzione di acqua potabile con Fluoruro a 4 parti per milione o superiore potrebbe aumentare il rischio di fratture anche spontanee.

Nel gennaio 2011, l'EPA ha annunciato che intendeva abbassare la quantità massima di fluoro consentita nell'acqua potabile a causa della crescente evidenza dei possibili "effetti deleteri sulla salute dei bambini" del fluoro. Questa raccomandazione EPA è stata formulata in seguito a uno studio riveduto sulla valutazione del rischio che ha rilevato che 2 su 5 adolescenti presentavano striature dei denti o spotting e "un po' di vaiolatura" a causa dell'eccessivo fluoro. Uno studio dell'EPA ha rilevato che "un'assunzione prolungata ed elevata di fluoro può aumentare il rischio di fragilità ossea, fratture e paralisi delle ossa".

UN ALTRO ALOGENO DA EVITARE È IL CLORO:

Il cloro è spesso usato come disinfettante nelle riserve idriche pubbliche, al fine di ridurre i batteri patogeni. Naturalmente, la qualità dell'acqua potabile è un fattore importante per la vostra salute e il vostro benessere. Quindi, è necessario considerare la possibilità della presenza di agenti patogeni o contaminanti nella vostra acqua, ma è anche necessario considerare il grado di necessità per l'aggiunta di sostanze chimiche al vostro approvvigionamento idrico che potrebbe causare danni.

È un argomento controverso.

I radicali liberi in acqua clorurata sono stati collegati a malfunzionamento del fegato e indebolimento del sistema immunitario. Di estrema importanza, vi sono prove crescenti del fatto che il cloro può, purtroppo, avere un impatto dannoso sui batteri benefici dell'intestino. Il cloro è un potente agente antimicrobico ed è un pesticida efficace contro molti diversi ceppi di batteri (compresi i batteri buoni di cui avete bisogno). I composti in acqua disinfettata possono essere in grado di raggiungere l'intestino, non solo attraverso l'acqua da bere, ma anche attraverso l'assorbimento attraverso la pelle e l'inalazione ogni volta che si fa il bagno o la doccia.

La ricerca ha dimostrato che il rischio di cancro associato all'acqua clorata può riguardare maggiormente la doccia e il bagno. Ciò suggerisce che i rischi per la salute associati al cloro possono essere più legati all'assorbimento attraverso la pelle e attraverso l'inalazione. È stato dimostrato che i vapori di cloro sviluppati da una singola doccia di 10 minuti contengono quantità più grandi di cloro rispetto ai due litri d'acqua medi che si possono bere durante la giornata, ed è persino stato visto come partecipino al danno del rivestimento mucoso dell'intestino e quindi della impermeabilità.. I vapori di cloro che inalate entreranno direttamente nel flusso sanguigno. Pertanto, anche se si filtra l'acqua da bere, c'è ancora la preoccupazione riguardo alla quantità di tossine a cui si è esposti dalla doccia o dal bagno quotidiano, attraverso l'inalazione e l'assorbimento della pelle.

Ciò significa che la filtrazione della doccia e dell'acqua del bagno potrebbe essere ancora più importante di quella dell'acqua che bevete!

IL TERZO ALOGENO DA EVITARE È IL BROMO

Il bromo è vicino per dimensioni e peso allo iodio ed è in competizione per il legame dei recettori di iodio nella ghiandola tiroidea. Il bromo è molto simile al cloro nel modo in cui uccide i batteri e gli agenti inquinanti nocivi, ma il bromo è il più usato per disinfettare le vasche e le spa, perché è più stabile del cloro alle temperature più calde.

Ehi, ecco una buona ragione per tenere la vostra vecchia auto: sapete in cosa consiste "l'odore di nuovo dell’auto appena acquistata"? Le nuove auto devono scaricare tutto il bromo e altri fumi tossici delle sostanze chimiche utilizzate per creare l'interno dell'auto. Questi fumi inalati sono sottoprodotti tossici, che saranno anch’essi in competizione con lo iodio nella vostra ghiandola tiroide. Alcune case automobilistiche stanno lavorando per ridurre i fumi tossici dall'interno di auto nuove, quindi potete fare qualche ricerca e scoprire quali sono i marchi migliori per voi, se siete alla ricerca di una macchina nuova di zecca. Provate a tenere i finestrini aperti quando siete seduti e guidate la vostra nuova auto, finché i fumi non si dissiperanno nel tempo.

È frustrante che, se vivete negli Stati Uniti, siete esposti al Bromo nascosto perché viene aggiunto ai prodotti da forno sotto forma di bromato di potassio (un condizionatore di impasto), ma questo può avvenire anche qui per quanto riguarda i prodotti da forno industriali.

Il Bromuro, è stato anche trovato in bevande analcoliche. Il bromuro (un composto che include bromo e un'altra sostanza chimica) contribuisce a ridurre la funzione tiroidea spostando lo iodio ad essa necessario. Il bromuro può creare problemi con ansia, vertigini, vista, ritmo cardiaco, mal di testa, tremori, nausea e crampi muscolari, e molti altri sintomi. Questo probabilmente non è l'effetto che state cercando quando vi bevete una bibita gassata o un aperitivo analcolico. . .

PRENDERE LE GUSTE PRECAUZIONI CONTRO I TRE ALOGENI "CATTIVI"

Ci sono molte cose che potete fare per evitare gli alogeni tossici nella vostra vita quotidiana. È possibile iniziare acquistando filtri doccia e soffioni convenienti.

  1. Purificate la doccia e il bagno Acquistate e installate un filtro per il cloro per la doccia. Dal momento che il gas cloro inspirato entra direttamente nel flusso sanguigno durante la doccia, l'uso di un filtro economico per la doccia è un ottimo modo per bloccare tutto questo dannoso assorbimento. La filtrazione del cloro è abbastanza semplice, purché si utilizzi un certo livello di tecnologia per rimuoverlo dalla doccia o dall'acqua del bagno.

  2. Questo e un esempio di un ottimo filtro doccia molto efficace e davvero facile da installare: https://www.amazon.it/MISCORP-Ridurre-pressione-facilità-installazione/dp/B0769164NF/ref=sr_1_1_sspa?ie=UTF8&qid=1545806475&sr=8-1-spons&keywords=filtri+per+doccia&psc=1

  3. La polvere da bagno alla vitamina C (https://www.amazon.it/Sostituibile-Rimozione-Portatile-Combinata-Impurità/dp/B07K7KCKDC/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1545806655&sr=8-1&keywords=polvere+da+bagno+alla+vitamina+c) può essere una buona scelta per coloro che cercano un modo economico per ridurre il cloro nella doccia. La vitamina C è un efficace agente di declorazione che rimuove fino al 99% di cloro.

  4. Altri metodi semplici per ridurre l'esposizione al cloro includono l'utilizzo di docce più brevi o meno frequenti, evitando docce eccessivamente calde (poiché il calore elevato aumenta la quantità di vapore) e spegnere l'acqua mentre ci si insapona. È una buona idea controllare presso la vostra azienda locale di approvvigionamento idrico quali agenti disinfettanti usino per disinfettare l'acqua del rubinetto. Sarà quindi possibile utilizzare tali informazioni per prendere una decisione su quale filtro doccia è più appropriato per voi e la vostra famiglia. Fino a quando non sapremo di più su come l'acqua clorata influisce sulla vostra salute, e in particolare sulla vostra flora intestinale benefica, sembra intelligente mantenere la vostra esposizione al cloro al minimo.

  5. Cambiate il vostro dentifricio. La FDA richiede un avvertimento di potenziale veleno sui tubi di dentifricio per un motivo (date un'occhiata al tubo di dentifricio che state usando attualmente). Se state cercando una marca di dentifricio senza fluoro, oggi avete più opzioni che mai. Eccovi una esempio di dentifricio senza fluoro: https://www.amazon.it/Pomegranate-Toothpaste-Dentifricio-Prodotto-Vegetariano/dp/B07BD57L2T/ref=sr_1_1_sspa?ie=UTF8&qid=1545807048&sr=8-1-spons&keywords=dentifricio+senza+fluoro&psc=1

  6. Purificare l'acqua potabile. Installare un sistema di purificazione dell'acqua o un sistema di filtraggio del fluoro nella vostra casa è una buona cosa da prendere in considerazione. Tenete presente che i filtri per acqua Brita e simili non rimuovono purtroppo i fluoruri. Dovrete cercare un sistema di filtrazione che rimuova il 100 percento delle impurità nocive dall'acqua del rubinetto. Un grande marchio che utilizza una filtrazione dell'acqua alimentata per gravità è Berkey: https://www.amazon.it/Imperial-Berkey-Filtro-acqua-Filtri/dp/B001AKTW2Q/ref=sr_1_3?ie=UTF8&qid=1545807330&sr=8-3&keywords=Filtri+Berkey

  7. Consumare solo alimenti privi di fluoruri. Scegliete coltivazioni biologiche, possibilmente fattorie della vostra zona. Evitare cibi trasformati come succhi di frutta, tè istantaneo e latte di soia, poiché contengono tutti alti livelli di fluoruro di sodio. La frutta secca, i fagioli secchi e alcune polveri di cacao contengono anche fluoruri.

  8. Usate gli integratori per ridurre l'accumulo di fluoro nel vostro organismo: Il magnesio inibisce l'assorbimento dei fluoruri nelle cellule.

  9. I sali di Epsom possono essere molto efficaci nello sforzo di disintossicarsi dall'assalto quotidiano dei tre alogeni cattivi. Basta aggiungerne circa 2 tazze all'acqua del bagno e immergersi per 15 minuti. Aggiungete anche del bicarbonato e alcuni oli essenziali di lavanda o menta piperita e rilassatevi.

  10. Disntossicatevi attraverso la sudorazione L'esercizio aiuta il corpo ad eliminare tutti i tipi di tossine dal corpo, compreso i fluoruri, attraverso il processo di sudorazione. Un modo alternativo per sudare è utilizzare una sauna, in particolare una sauna a infrarossi lontani, che avvantaggia il corpo riscaldandolo, il che provoca un aumento della temperatura interna. Ciò provoca un profondo sudore disintossicante a livello cellulare. È sano e sicuro, utilizzando un processo simile al riscaldamento dei neonati negli ospedali. È stato dimostrato che il trattamento con la terapia con luce a infrarossi aiuta a ridurre le probabilità di contrarre il cancro rimuovendo l'accumulo di tossine.

ORA CONSIDERIAMO LO IODIO - L'UNICO "BUON" ALOGENO. . . QUANTO È IMPORTANTE? QUANTA E' LA QUANTITA' GIUSTA?

Lo iodio è necessario per la creazione degli ormoni tiroidei. Proprio come per l'ormone tiroideo, ogni cellula del vostro organismo ha anche un recettore per lo iodio. Lo iodio è un nutriente fondamentale per la salute della tiroide. È responsabile della regolazione della funzione tiroidea e del supporto di un metabolismo sano. Lo iodio aiuta a prevenire ulteriori tumori migliorando l'immunità e contribuendo a indurre "apoptosi" (autodistruzione) delle cellule cancerose, senza distruggere le cellule sane.

Quindi, possiamo convenire che lo iodio è uno dei nutrienti vitali del vostro organismo. Sfortunatamente, molti adulti non consumano abbastanza alimenti ricchi di iodio e sono quindi carenti di iodio.

Problemi che si presentano quando lo iodio è troppo poco: avete la pelle secca, ruvida e traballante? Questo è in realtà un segno comune di carenza di iodio. Lo iodio aiuta anche a regolare la sudorazione, quindi potreste provare dei cambiamenti in quanto sudate meno se i vostri livelli di iodio diventano sbilanciati. Poiché la sudorazione è un importante metodo di disintossicazione che il corpo usa per eliminare le tossine (e anche le calorie in eccesso), la carenza di iodio può disturbare il modo naturale in cui disintossicate il vostro corpo.

Avete la bocca secca? Simile a un'incapacità di produrre abbastanza sudore, una mancanza di iodio può anche causare secchezza delle fauci, a causa di una produzione abnormemente bassa di saliva. Di coneguenza, questo può effettivamente iniziare a compromettere la digestione.

Una dieta troppo povera di alimenti ricchi di iodio può creare sintomi spiacevoli come affaticamento, aumento di peso indesiderato o perdita di peso, squilibri ormonali e cambiamenti di umore. (Qualcuno di questi sintomi suona familiare?) I segni comuni che si ha una carenza di iodio possono includere problemi nella produzione di saliva e difficoltà nel digerire il cibo correttamente. I vostri sintomi di ghiandole salivari gonfie e secchezza delle fauci, problemi di pelle, scarsa concentrazione e ritenzione di memoria, dolori muscolari e debolezza, possono essere tutti correlati alla mancanza di iodio. Questi sono sintomi molto comuni che potete provare dopo aver rimosso la tiroide, o anche se avete ancora la tiroide, ma è stata compromessa o sta male.

Le persone mangiano generalmente meno cibi naturalmente ricchi di iodio, come il pesce pescato, le verdure verdi e gli ortaggi marini. E ricordate il Bromuro? Uno dei "cattivi" alogeni? Poiché il bromo si trova in molti prodotti da forno confezionati industrialmente, pane e altri prodotti alimentari, mangiare questi prodotti può bloccare qualsiasi cibo ricco di iodio che si sta mangiando e quindi può impedire l'assorbimento dello iodio. A causa dello sfortunato stato di basso apporto di nutrienti del terreno nelle nostre fattorie in cui è prodotto il cibo, ora il suolo è povero di Iodio, quindi oggi il cibo, in generale, contiene quantità più basse di Iodio che non anni orsono.

Il vostro organismo ha bisogno di Iodio per creare tiroxina (T4) e triiodotironina (T3), due dei principali ormoni prodotti dalla tiroide. Oltre alla tiroide, lo iodio viene anche assorbito e immagazzinato nei tessuti dello stomaco, del cervello, della colonna vertebrale e della pelle. Quindi, è molto importante capire che, anche se vi è stata rimossa la tiroide, il vostro organismo assorbe e immagazzina ancora lo iodio, e lo iodio è essenziale per una buona salute.

Problemi da eccesso di iodio: ci sono stati studi che hanno evidenziato come alcuni pazienti abbiano sviluppato ipotiroidismo assumendo integratori di iodio over the counter (OTC = prodotti da banco). Inoltre, è stato dimostrato che la supplementazione di iodio, o l'utilizzo di integratori che lo contengono, aumenta l'ipotiroidismo nei pazienti con malattia di Hashimoto. La loro disfunzione tiroidea è stata risolta dopo una corretta gestione e interruzione degli integratori OTC. Ciò dimostra i rischi significativi associati ai preparati OTC contenenti iodio in pazienti predisposti alla disfunzione tiroidea, in particolare quelli con autoimmunità tiroidea. Gli studi hanno dimostrato che "non esiste una valida ragione per assumere supplementi di iodio ad alte dosi, che hanno dimostrato di causare danni e non hanno alcun beneficio noto". Ma ciò non significa che lo iodio non sia necessario. Il diavolo è nei dettagli, come si suol dire! Lo iodio può influenzare lo stato dell'ormone tiroideo e, forse, la produzione di anticorpi, in quelli con malattia tiroidea autoimmune. Alcune piccole quantità di iodio supplementare (250 microgrammi) possono causare "lievi ma significativi cambiamenti nella funzione dell'ormone tiroideo in individui predisposti". Quindi dipende da ogni singola persona e dalle circostanze.

Questa è la chiave per una corretta integrazione di iodio: utilizzare un approccio individualizzato.

Essere consapevoli che dosi eccessivamente elevate di iodio possono portare ad un aumento dei livelli di TSH, che può essere erroneamente interpretato come un segno di ipotiroidismo. Soprattutto, è consigliabile essere prudenti con lo iodio se si hanno segni di malattie autoimmuni della tiroide. Il modo migliore per scoprire se hai un problema con la tiroide autoimmune è quello di fare un test. Ciò significa eseguire un pannello completo di esami per la tiroide.

Ma questo non significa che dovreste evitare del tutto la supplementazione di iodio. Basta considerare l'importanza del selenio:

Selenio: il partner chiave per una corretta integrazione di iodio: il selenio ha dimostrato di avere un ruolo cruciale nella supplementazione di iodio. Ciò è evidente dalla ricerca che afferma che lo iodio potrebbe rappresentare solo un problema per le persone con Hashimoto e altre malattie tiroidee autoimmuni in presenza di deficit di selenio. Gli studi hanno dimostrato che il selenio protegge dagli effetti di tossicità da iodio e previene l'innesco e l'insorgere di malattie autoimmuni che l'iodio in eccesso (senza selenio) può creare.

Quindi, il messaggio da comprendere bene è quello di ricordare di prendere IODIO e SELENIO insieme.

Per favore, lavorate con il vostro medico per bilanciare i livelli di iodio, selenio e ormone tiroideo. Nella maggior parte dei casi, è possibile vedere un miglioramento significativo utilizzando questi supplementi insieme. Il selenio può essere considerato l'anello mancante per l'ottimizzazione dei livelli di iodio e, a sua volta, per ottimizzare l'equilibrio generale degli ormoni tiroidei. Chiedete al vostro medico di focalizzarsi su questo.

Assumete il vostro iodio "giusto", come spiegato da Chris Kresser, M.S., L.Ac, se usato da solo, "la sostituzione dell'ormone tiroideo spesso fallisce. Uno dei motivi può essere dovuto a un apporto di iodio non ottimale, in quanto sia il troppo poco che il troppo iodio possono essere dannosi ".

La ricerca suggerisce che consumare più della quantità suggerita al giorno di iodio è associata ad un aumentato rischio di disordini della tiroide, invece che da un effetto preventivo. Ciò accade perché l'aumento dell'apporto di iodio, specialmente in forma di integratore, può aumentare l'attacco autoimmune alla tiroide. Lo iodio riduce l'attività di un enzima chiamato perossidasi tiroidea (TPO). Il TPO è necessario per la corretta produzione di ormoni tiroidei.

Chris Kresser prosegue spiegando: "Un protocollo che potete seguire, consiste nell'iniziare con compresse di kelp a bassa dose che contengono 325 mcg di iodio per compressa) e aumentando la dose MOLTO LENTAMENTE nel tempo, ricordando che è fondamentale assumere anche 200 mcg di selenio per giorno per proteggersi dagli effetti potenzialmente avversi della supplementazione di iodio, specialmente se si ha una malattia autoimmune della tiroide.

Discutete di questo e di altri protocolli con il vostro medico.

Un'altra cosa importante di cui essere a conoscenza è che se si assume Iodio in dose terapeutica, questo può spostare gli alogeni tossici (fluoro, cloro, bromo) che sono già presenti nelle cellule. Questa è una buona cosa, ma può causare spiacevoli sintomi di disintossicazione."

Il noto esperto di iodio Dr. David Brownstein del Centro di medicina olistica afferma: "La mia esperienza clinica ha dimostrato che in uno stato carente di iodio, dosi più alte di iodio sono un modo efficace e sicuro per trattare la malattia autoimmune della tiroide senza effetti collaterali apprezzabili. Ricorda, i migliori risultati sono raggiunti come parte di un piano di trattamento olistico completo. "

Quindi, abbiamo stabilito che ci sono prove che UN PO' di iodio (la giusta quantità) è buona, ma TROPPO Iodio può essere dannoso, in alcuni casi. Ovviamente, è importante procedere con cautela, soprattutto quando si sceglie la supplementazione di iodio, così come le fonti di cibo ricco di iodio.

La chiave è evitare troppo iodio per le vostre esigenze individuali, soprattutto se siete affetti da Hashimoto o altre malattie autoimmuni. (E ricordate: se vi è stata diagnosticata la tiroidite di Hashimoto, rimuovere la tiroide non cura l'Hashimoto, avrete ancora la risposta infiammatoria e tutti i sintomi che vi si accompagnano, ma potete lavorare per metterli in remissione attraverso la dieta e cambiamenti dello stile di vita).

Il modo migliore per equilibrare lo iodio è con i test alimentari e occasionali: mangiate più cibi ricchi di iodio, specialmente quelli che contengono naturalmente lo iodio, piuttosto che quelli che sono arricchiti di iodio. I buoni alimenti ricchi di iodio includono frutti di mare, prodotti caseari non pastorizzati e non pastorizzati e uova di galline allevate a terra. Altre fonti alimentari di iodio sono mirtilli rossi, fagioli marini, fragole, patate, petto di tacchino e tonno. I frutti di mare selvatici e le uova biologiche allevate a terra hanno maggiori probabilità di contenere un livello più alto di nutrienti rispetto ai pesci allevati in azienda o alle uova di galline allevate in modo convenzionale. Tenete presente che i livelli di iodio variano notevolmente a seconda delle condizioni in cui si è svolta la coltivazione. Ad esempio, gli ortaggi coltivati in suoli impoveriti presentano livelli inferiori di iodio rispetto a colture organiche che vengono opportunamente ruotate in diverse aree del suolo ogni stagione.

Includere verdure di mare come alghe nella vostra dieta può essere un altro modo per aumentare naturalmente i livelli di iodio, considerando che le alghe concentrano lo iodio, insieme ad altri importanti minerali e antiossidanti. Tuttavia, è stato dimostrato che le alghe contengono anche arsenico e altre sostanze tossiche. Quindi, con tutto l'inquinamento dei nostri oceani prodotto nel secolo scorso, a meno che non si possa testare ogni partita di alghe per le tossine, c'è molta polemica intorno al consumo di grandi quantità di alghe. Persino il contenuto di iodio di carne e latticini di alta qualità, di animali allevati sull'erba e di diete sane, varia a seconda della qualità della dieta e del luogo in cui sono liberi di pascolare. Il miglior consiglio è di sapere da dove viene tutto il cibo.

Provate a consumare sale reale, sale dell'Himalaya o sale marino celtico, a differenza del sale da tavola iodato. Il sale marino contiene più di 60 oligoelementi e non rappresenta un rischio di consumo eccessivo di sale da cucina come lo è il sale iodato, ed è molto più vantaggioso. (e ha un sapore migliore!) Tenete presente che la maggior parte dell'apporto di sale negli Stati Uniti proviene da alimenti industriali e che i produttori alimentari usano quasi sempre sale non iodato negli alimenti lavorati.

"FATE UN TEST, NON INDOVINATE!"

Una delle cose migliori che potete fare per avere una vera immagine del vostro livello di iodio è testarlo di tanto in tanto. Il modo migliore per farlo è con un test "da carico urinario" di 24 ore, in cui si ingerisce una capsula di iodio, si raccoglie l'urina per 24 ore, e se si è carenti di iodio, si troveranno valori inferiori di iodio rispetto quelli che dovrebbero essere presenti nelle vostre urine, dal momento che il vostro corpo l'avrà tutto assimilato perché era carente e ne aveva bisogno.

Ora scusate un po' la lunghezza, ma speriamo vi sia stato utile per comprendere che, anche in questo caso, si tratta di un sottile gioco di equilibri che, se rispettati, contribuiranno a rendere la vostra vita più sana e felice.

Buona salute!

Chiara Saggioro, B.Sci.,Ph.D.

Alfredo Saggioro, M.D.

#alogeni #iodio #fluoro #bromo #cloro #ipotiroidismo

385 visualizzazioni

CONTATTACI PER UN APPUNTAMENTO

Prof. ALFREDO SAGGIORO

Gastroenterologia, Epatologia, Medicina Interna, Medicina Funzionale

 

Dr.ssa CHIARA SAGGIORO

chiara.saggioro@medicinafunzionale.org

Biologa  D.Sci., Ph.D. 

Nutrizionista  Funzionale

PER CONSULENZE CON LA DOTT.SSA SAGGIORO SCIVERE DIRETTAMENTE ALLA SUA MAIL 

PER APPUNTAMENTI PROF. SAGGIORO:

 

CENTRO DI MEDICINA

Viale Ancona 5

Mestre Tel. 0415322500

Treviso Tel. 0422698111


CENTRO MARCONI DUE

Bologna 

Tel. 348.7122608

dalle 10 alle 14 (eventualmente lasciando sms)

STUDIO SIMONACCI

Roma 

Tel.  348.7122608

dalle 10 alle 14 (eventualmente lasciando sms)

BIO-ZONE

Acireale (CT)

Tel. 3205512583

Seguimi su:

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • w-blogger
  • w-rss

© 2023 by Taylor.R. Proudly created with Wix.com