top of page

IL NOSTRO MICROBIOTA, IL NOSTRO BENESSERE E L’AMBIENTE IN CUI VIVIAMO


I microbi sono intorno a noi. Abitano i nostri corpi e sono presenti su quasi ogni superficie che tocchiamo. Il tuo microbioma, l'insieme di microbi e il loro DNA che vivono dentro e sopra di te, è come un'impronta digitale - e completamente unico per te e, ci sembra doveroso ricordare, il nostro bioma, come quello ambientale, è fatto anche di virus, batteriofagi e lieviti (funghi).

È interessante osservare come i ricercatori abbiano evidenziato la possibilità di condividere alcuni dei tuoi microbi, specialmente con le persone che sono più vicine a te.

Questo concetto è chiamato microbiota condiviso ed esplora la relazione simbiotica tra gli esseri umani e le comunità microbiche in cui convivono.1


Cos'è il microbiota condiviso?

Questi microrganismi sono condivisi tra le persone attraverso uno stretto contatto fisico o abitando lo stesso ambiente. Facciamo solo un piccolo esempio: oltre 40 anni fa si parlava di ulcera duodenale come di malattia famigliare, prima di identificare un batterio, l’Helicobacter pylori che ne era la causa e che si trasmetteva nell’ambiente domestico, attraverso contatti interpersonali. La scienza si sta evolvendo e continuerà ad approfondire la relazione tra gli esseri umani e le comunità microbiche all'interno delle loro case, offrendo approfondimenti che possono aiutare a modellare la nostra comprensione della salute personale e pubblica.2 Ad esempio, le famiglie possono avere un "microbioma famigliare" con ceppi condivisi di batteri intestinali tra partner, genitori e figli. Si tratta di un vero e proprio trapianto di microbiota. Anche il microbiota condiviso da quelli a cui sei vicino fisicamente può influire sulla diversità complessiva del microbioma e sulla salute dell'intestino.3

Man mano che si svilupperà ulteriormente, questa linea di ricerca rimodellerà la nostra comprensione di come influenziamo queste popolazioni microbiche, che possono avere implicazioni per la salute, il trattamento delle malattie e persino la scienza forense.


Influenza umana sulle popolazioni microbiche domestiche

Uno dei concetti sorprendenti è il modo in cui gli esseri umani modellano profondamente la composizione microbica dei loro ambienti. Quando passiamo a una nuova casa, non adottiamo semplicemente la composizione microbica di quello spazio. Invece, portiamo con noi il nostro profilo microbico unico.4

Le superfici domestiche, secondo lo studio, sono simili alle tele da pittori, ma passive. Vengono continuamente impresse con i microbi che risiedono su e dentro di noi. In sostanza, stiamo introducendo le nostre distinte comunità microbiche nelle nostre case piuttosto che viceversa. Questa comprensione della nostra interazione con i microbi aggiunge profondità alla nostra conoscenza di come queste piccole comunità possono potenzialmente influenzare la salute umana e le dinamiche di trasmissione delle malattie.5


Implicazioni per la salute dei microbi domestici

Mentre la presenza di una miriade di microbi nei nostri spazi abitativi potrebbe inizialmente sembrare inquietante, è fondamentale interpretare questi risultati nel contesto. La semplice etichetta di "potenzialmente dannoso" per alcuni microbi non li rende necessariamente una minaccia tangibile. In genere, questi microbi diventano problematici solo per le persone con sistema immunitario indebolito. Il nostro ambiente microbico domestico rispecchia principalmente il nostro microbiota personale, che è, in generale, benefico. Lo scambio continuo di questi microbi, specialmente in ambienti chiusi come le famiglie, ha rilevanza in scenari come la diffusione di batteri resistenti agli antibiotici.6 Inoltre, questo deve aumentare la nostra consapevolezza e metterci in guardia contro l'uso eccessivo di agenti antibatterici negli ambienti in cui viviamo e frequentiamo. L'eccessiva dipendenza da questi agenti può involontariamente promuovere ceppi batterici più resistenti.

Noi consigliamo di astenersi dalla pulizia ossessiva delle nostre case con prodotti antibatterici, come l’era Covid ci ha purtroppo indotto a fare, soprattutto perché la maggior parte dei microbi nei nostri spazi abitativi sono benigni e spesso coesistono armoniosamente con noi, come evidenziato da Finnicum et al. 7

In conclusione, questa linea pionieristica di ricerca sottolinea il ruolo centrale delle comunità microbiche nella nostra vita quotidiana. Comprendere la loro natura generalmente benigna e spesso benefica può incoraggiarci a vederli come parti silenziose ma integranti della nostra esistenza.


Buona lettura e buona salute

Alfredo Saggioro, M.D.

Chiara Saggioro, D.Sci, Ph.D


Referenze

1.Valles-Colomer, M., Blanco-Míguez, A., Manghi, P. et al. (2023). Natura 614, 125-135.

2. Vilchez-Vargas R, Skieceviciene J, Lehr K, et al. (2022). EBioMedicina. 2022;79:104011

3. Brito, I.L., Gurry, T., Zhao, S. et al. (2019). Nat Microbiol 4, 964-971.

4. Misic, A.M., Davis, M.F., Tyldsley, A.S. et al. (2015). Microbioma 3, 2.

5. Dill-McFarland, K.A., Tang, ZZ., Kemis, J.H. et al.(2019). Sci Rep 9, 703.

6. Meng, Y., Wu, T., Billings, R. et al. (2019). Int J Oral Sci 11, 19.

7. Finnicum, CT, Beck, JJ,

Featured Posts
Recent Posts
Search By Tags
Follow Us
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic
bottom of page