top of page

TUTTO E' CONNESSO: LA RELAZIONE TRA CORPO E PIANETA



Quando pensiamo agli ecosistemi, spesso pensiamo a luoghi come l'oceano o la foresta pluviale. Questi luoghi sono belli e diversi, ospitano innumerevoli specie di piante, animali, insetti e microbi, ma questo generoso equilibrio di vita non si trova solo in natura. Ci sono anche ecosistemi all'interno del corpo umano che, per molti versi, imitano quelli che si trovano sul pianeta.

Un ecosistema può essere pensato come un'area geografica in cui tutte le specie al suo interno lavorano insieme per sostenere la vita all'interno di una bolla. Per quanto riguarda i luoghi in cui si trovano gli ecosistemi, sono ovunque.1 

Puoi trovare ecosistemi all'interno delle mura della tua casa e della tua famiglia, all'interno del tuo sistema digestivo, nella giungla, tra gli alberi, sul fondo di un fiume o sotto una roccia sul terreno. Ogni fattore all'interno di un ecosistema dipende l'uno dall'altro per sostenerlo.

Gli ecosistemi ospitano innumerevoli microbi – o organismi microscopici – che sono una parte fondamentale della loro sostenibilità. Non c'è posto sulla Terra o nel corpo umano che sia privo di microbi, dimostrando quanto siano importanti la loro presenza e il loro equilibrio.2 Alcuni microbi sono pericolosi per la nostra salute e per il pianeta, causando malattie e distruzione, mentre la maggior parte sono benefici. Il giusto equilibrio è necessario per mantenere sani gli ecosistemi. 

Ecosistemi nel corpo umano

Proprio come i fiumi e i torrenti portano l'acqua attraverso le terre e nell'oceano sulla Terra, gli esseri umani hanno vene e vasi sanguigni che trasportano il sangue in tutto il nostro corpo e microbi che lavorano attivamente insieme. Ci sono più ecosistemi nel corpo umano di quanti se ne possano contare, che vanno in tutte le diverse dimensioni e gamme. Alcuni degli altri ecosistemi che ospitiamo si trovano nello stomaco e nel tratto intestinale, nella pelle, nella bocca e negli organi. L'intero corpo potrebbe anche essere considerato un ecosistema, poiché tutte le parti lavorano insieme per mantenerti il più sano possibile. E, naturalmente, hai anche i tuoi sistemi corporei, come respiratorio, cardiovascolare, endocrino e immunitario, che lavorano senza sosta.

La natura dinamica degli ecosistemi

Avere un microbioma sano nel nostro intestino determina la funzionalità e il benessere del resto del nostro corpo. In effetti, il legame è così forte che gli scienziati hanno identificato quello che viene chiamato l'asse microbiota-intestino-cervello.3 Il delicato equilibrio di questo ecosistema microbico è modellato dalle esperienze di vita e dalle esposizioni, a partire dal grembo materno.

Proprio come la nostra salute generale si basa sull'equilibrio all'interno delle comunità microbiche del nostro corpo, anche la salute dell'ambiente si basa sull'equilibrio. Ad esempio, affinché gli oceani e le foreste possano sequestrare il carbonio dall'atmosfera, sostenendo tutta la vita e regolando la temperatura del pianeta, devono anche mantenere un equilibrio microbico ottimale.

Se ti stai chiedendo perché gli ecosistemi sono dinamici, pensa a qualsiasi sistema. Tutte le parti sono in equilibrio e funzionano normalmente fino a quando un pezzo non apporta una modifica. Quando ciò accade, il resto delle parti del sistema dovrà regolarsi o adattarsi per cercare di ripristinare il normale equilibrio. Quando gli esseri umani apportano cambiamenti al modo in cui vivono, attraverso cose come l'inquinamento e il sistema alimentare, questo trasforma in modo significativo anche l'intero ecosistema nel tempo.

Alcuni dei luoghi con la maggiore diversità biologica includono foreste pluviali tropicali, grandi laghi, barriere coralline e mari profondi. Qui troverai innumerevoli specie di piante, insetti, animali e microbi che lavorano insieme per mantenere gli ecosistemi.4 

I batteri e altri microbi svolgono un ruolo importante come decompositori negli ecosistemi. Molti sono responsabili della scomposizione della materia morta e della conseguente produzione di anidride carbonica. Alcuni aiutano a fissare l'azoto nel terreno e altri convertono l'ammoniaca in nitriti e nitrati.

Minacce per ecosistemi sani

Mentre gli ecosistemi sani sono l'obiettivo, ci sono una serie di cose che possono rappresentare una minaccia per il loro equilibrio e vitalità, sia in natura che nel corpo.

Alcune delle maggiori minacce per un ecosistema sano includono:

  • Stress

  • Resistenza antimicrobica

  • Prodotti chimici tossici e pesticidi

  • Uso eccessivo e scarsità d'acqua

  • Cambiamento climatico

Al fine di ridurre le minacce e nutrire invece i nostri ecosistemi terrestri e corporei, la connessione è imperativa. Possiamo farlo facendo scelte alimentari più sostenibili, etiche, ricche di nutrienti e intenzionali, lavorando per cambiamenti politici per proteggere meglio il pianeta e ridurre l'uso eccessivo di antibiotici e sostanze chimiche tossiche, e ricollegando fisicamente i nostri corpi alla Terra.

Riconnettere il corpo al pianeta

Nel corso dei secoli, siamo diventati sempre più disconnessi dal pianeta che condividiamo. Ma il fatto è che gli esseri umani sono fatti degli elementi più comuni che si trovano sulla Terra. Vedendo quanti punti in comune ci sono tra gli ecosistemi umani e naturali, così come le minacce simili che dobbiamo affrontare, ha senso ricollegare le due cose.

Uno dei modi in cui le persone sono state in grado di farlo è attraverso una pratica chiamata "earthing" o "grounding".5 L'obiettivo principale è quello di ripristinare le opportunità di contatto fisico diretto tra le persone e gli elettroni sulla superficie terrestre. Questo viene fatto camminando all'aperto a piedi nudi o trascorrendo del tempo rilassato al chiuso mentre si è collegati a sistemi conduttivi che trasferiscono l'energia dal suolo al corpo.

I ricercatori pensano che riconnettersi in questo modo, consentendo agli elettroni della Terra di trasferirsi dal suolo ai nostri corpi, potrebbe aiutare a invertire gran parte della disfunzione fisiologica e del malessere che affrontiamo.

In effetti, gli studi sui benefici della messa a terra hanno scoperto che le persone che creano intenzionalmente un contatto più diretto con l’ambiente, in questo modo, sperimentano un sonno migliore, una riduzione del dolore e una migliore qualità della vita.

Le probabili ragioni alla base di questi benefici sono affascinanti. La superficie della Terra ha una riserva illimitata e costantemente rinnovata di elettroni. Un numero crescente di prove suggerisce che il potenziale negativo del pianeta può stabilizzare il nostro ambiente bioelettrico interno, ripristinando le funzioni corporee squilibrate alla normalità.

C'è ancora molto da imparare sugli ecosistemi che esistono negli esseri umani e nel pianeta. Ma per ora, ci sono prove sufficienti per dimostrare che fare sforzi per ricollegare i due e prendersene cura è importante per la salute e la longevità di entrambi.

Buona salute!

Alfredo Saggioro, MD

Chiara Saggioro, DrSci, PhD


Per saper di più:

  1. Voce enciclopedica, Ecosistema (2022). National Geographic. nationalgeographic.org

  2. Informazioni di base sui microbi e su dove si trovano. (n.d.). jic.ac.uk.

  3. Cryan, J. F., O'Riordan, K. J., et al. (2019). [Informazioni sull'asse intestino-cervello]. Revisioni fisiologiche. journals.physiology.org.

  4. Chevalier, G., Sinatra, ST, et al. (2012). [Sequenze di rRNA 5S da otto basidiomiceti e funghi imperfetti]. Ricerca sugli acidi nucleici. Giornale di salute ambientale e pubblica. PubMed.com.

 

Kommentare


Featured Posts
Recent Posts
Search By Tags
Follow Us
  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic
bottom of page