• Dr.ssa Chiara Saggioro

DIVENTIAMO TUTTI UN PO' AYURVEDICI?


Ayurveda – significa letteralmente, la scienza della vita ("Ayur" = vita, "veda" = scienza) – è una scienza medica altamente evoluta che è stata sviluppata molti secoli orsono nell’India antica. Ayurveda si è evoluta nella sua forma moderna basandosi sulla conoscenza dettagliata tramandata in antichi trattati, soprattutto l'Atharvaveda – il cosiddetto "magazzino di conoscenza delle procedure per la vita quotidiana." Un aspetto interessante di questo antico sistema di guarigione sono i principi della dieta ayurvedica.

Una mente sana conduce ad un corpo sano

Proprio come affermavano i latini…e la storia si ripete!

Ayurveda non è solo un altro metodo di trattamento della malattia. I praticanti lo descrivono come un sistema complicato di concezione della scienza interiore che coinvolge la salute e la vita naturale in termini positivi. L'obiettivo di questa tradizione di guarigione è far comprendere come si possa armonizzare noi stessi con l'universo più grande che esiste all'interno di noi e attorno a noi. L’antica letteratura vedica spiega chiaramente come possiamo mantenere la nostra salute e il nostro benessere attraverso l'uso giudizioso di terapie, massaggi, erbe medicinali, controllo della dieta ed esercizio fisico.

Secondo questo sistema tradizionale, una mente sana conduce a un corpo sano. Quello che pensiamo si traduce in come ci sentiamo fisicamente, mentre quello che mangiamo e beviamo non può non avere un effetto profondo sulla nostra mente. In particolare, i concetti antichi Vedic di sattva (purezza ed equilibrio), rajas (agitazione) e tamas (inerzia) sono considerati le tre forme di coscienza basata sulla mente, concetti che riprenderemo.

Perché il cibo è così importante nella medicina ayurvedica

È interessante notare che, secondo i principi di una dieta ayurvedica, il cibo fornisce molto di più che il solo sostentamento fisico per l’organismo. Infatti, il cibo si ritiene sia in grado di modellare e spostare la mente, influenzando sia la capacità di pensare sia anche le emozioni più profonde.

Quando il cibo è consumato consapevolmente e con rispetto, si ritiene che il corpo diventi pieno di salute, di serenità, di vitalità, di speranza e di gioia. Questo concetto di alimenti caricati spiritualmente è unico e appartiene solo alla filosofia/medicina Ayurveda e la distingue da tutti gli altri sistemi alimentari.

Guardiamo ora come Ayurveda classifica i diversi alimenti sulla base degli effetti che si ritiene avvengano nel corpo.

I tre tipi di cibo che interessano il corpo secondo l'Ayurveda

  1. Alimenti sattvic (purezza ed equilibrio)

I cosiddetti cibi "sattvic" sono piacevoli ai sensi e nutrienti, oltre ad avere un effetto calmante sulla mente e nervi. I cibi sattvic conferiscono forza e stabilità e si ritengono essere pieni di "prana" (forza vitale) e sono in genere leggeri e facili da digerire. Ayurveda dà risalto all'importanza di mangiare cibi sattvic per supportare la salute fisica e un stato di pace della mente.

Perché il cibo sia sattvic, esso deve essere consumato nella giusta quantità, essere equilibrato nelle sue qualità e sempre fresco.

Si dice che il cibo assuma qualità sattvic quando è di provenienza biologica ed è cucinato con attenzione alla freschezza e all’igiene e consumato con gratitudine e consapevolezza – senza velocità, avidità o lasciando avanzi. Secondo la tradizione di dieta ayurvedica, gli alimenti sattvic dovrebbero essere cucinati nel ghee (burro chiarificato), con una piccola ma sufficiente aggiunta di spezie fragranti per consentire una migliore digestione. In generale, gli alimenti vegetali sono considerati essere più sattvic di uova, pesce e carne. Allo stesso modo, i cibi semplicemente cotti sono più sattvic di alimenti eccessivamente trasformati e raffinati. Noci, semi, miele grezzo, dolce frutta di stagione e cereali integrali naturali sono tutti considerati alimenti sattvic. Infatti, la consapevolezza dell’utilizzo di frutti di stagione è molto importante nella creazione di una dieta sattvic.

Alimenti rajasic

Gli alimenti cosiddetti "rajasic" stimolano in eccesso e irritano il corpo e la mente, sia a causa delle loro proprietà intrinseche o aggiunto come l’eccessiva asprezza, amarezza (agrezza), sapidità, calore (un esempio è dato dal peperoncino), nitidezza (acidità) e secchezza. Secondo i principi della dieta ayurvedica, l'aglio è un cibo naturalmente rajasico, come lo sono i chili e altri peperoni piccanti. Alimenti elaborati e processati, i cibi spazzatura e i fast food ma anche alcol, caffeina e droghe ricreative sono pure considerati essere rajasic per loro natura. Anche una dieta vegetariana altrimenti sana,ma cucinata con troppo sale e spezie, che viene consumata insieme a caffeina, alcool e soda in modo frettoloso, mentre lo stato d'animo è agitato, si ritiene abbia un effetto rajasic sul corpo.

Alimenti tamasic

Gli alimenti cosiddetti "tamasic" si ritiene siano dannosi per la mente e il corpo, perché mancano di prana o forza vitale. Questa categoria comprende gli alimenti che sono viziati, putridi, o eccessivamente grassi e pesanti. Per esempio, mentre mangiare carne è consigliato in Ayurveda per migliorare la forza fisica, una dieta dominata da carne si ritiene provveda significativamente ad aumentare le qualità tamasic. Ciò è particolarmente vero quando si utilizzano troppe carni fredde, in scatola e surgelate o carni processate come gli insaccati. Al contrario, la dieta ayurvedica consiglia di consumare carni cucinate fresche, biologiche, in quantità moderate

Come si mangia è altrettanto importante di ciò che si mangia

Tutto questo non significa che Ayurveda classifichi automaticamente tutti i cibi vegetariani come sattvic e tutte le spezie e i mangiatori di aglio come rajasic e tutte le carni e i mangiatori di carne come tamasic. Dopo tutto, le persone storicamente hanno mangiato i cibi che mangiano a causa di motivi geografico-culturali, basati su quali alimenti erano a loro disposizione. Piuttosto, Ayurveda afferma molto chiaramente che è il modo in cui cibo è procurato (eticamente o non), cucinato e consumato (consapevolmente o non) con altri ingredienti – se vecchi o freschi, calmanti, eccitanti o che provocano sonnolenza – che ha più impatto sul corpo e sulla mente.

Come mantenere il vostro "fuoco interiore" sempre luminoso attraverso la dieta

Secondo l'Ayurveda, il sole, che domina la nostra vita quotidiana, si trova anche nel nostro corpo, dove è conosciuto come agni, o la fiamma interiore. Se il sole dovesse scomparire, tutta la vita verrebbe a cessare. Allo stesso modo, Ayurveda dice che se la nostra fiamma interiore dovesse essere estinta, potremmo anche morire. Non solo il nostro corpo, ma anche la nostra mente è "alimentata" dall'essenza degli alimenti che consumiamo, dopo che sono stati elaborati da agni. Forza fisica e mentale, entusiasmo e coraggio, e soprattutto la longevità e la salute generale sono tutte direttamente collegate alla salute del nostro agni. Secondo l'Ayurveda, quando nostro agni interiore ondeggia ed è variabile, la nostra salute è influenzata. Tuttavia, quando questa fiamma vitale è costante e brucia luminosa (ma non troppo brillante o fuori controllo), anche noi diventiamo stabili nel corpo e nella mente. Ayurveda mira a dimostrare come mantenere e proteggere l'agni interna tramite il corretto consumo di cibo e bevande nelle giuste quantità e nei momenti giusti, tenendo a mente gli effetti stagionali degli alimenti.

I sei sapori del cibo nella dieta ayurvedica

Secondo l'Ayurveda, il senso del gusto è una guida naturale per una corretta alimentazione – se siamo disposti a prestare attenzione a esso. Storicamente gli esseri umani hanno sempre tenuto conto delle loro papille gustative per scoprire cibi sani in natura e per evitare cibi tossici e velenosi. Non solo questo: le nostre papille gustative sono essenziali per sbloccare il valore nutritivo degli alimenti e scatenare l'intero processo digestivo. Un modo per scoprire quale effetto avrà un particolare alimento sul nostro corpo è attraverso il sapore o il gusto. Tutto quello che mangiamo ha un sapore specifico, noto come "rasa" in sanscrito, che Ayurveda dice colpisce la mente e il corpo in modi specifici. Questo concetto di gusto si applica non solo alla percezione delle papille gustative situato sulla lingua, ma anche per la reazione finale del cibo nello stomaco.

I 6 Rasa (gusti) in Ayurveda

Madhur rasa (dolce)

A partire dal latte materno, questo rasa tende a dominare la nostra vita e nostra cultura alimentare. Ayurveda afferma che se noi padroneggiare il sapore dolce e non permettiamo di esserne succubi o dipendenti, abbiamo capito come godere la vita e a impegnarci senza essere troppo attaccati alle cose.

Questo rasa calma nervi e mente, e inoltre aiuta a costruire i tessuti del nostro corpo. Tuttavia, se consumato in eccesso, induce una sensazione di pienezza e offusca la nostra fiamma interiore. Può essere utilizzato per rallentare e tranquillamente gestire un agni interno fuori controllo.

Amla rasa (aspro) – secondo i principi di dieta ayurvedica, il corpo ha bisogno questo rasa per stimolare ed energizzare il corpo, ma solo in quantità misurate attentamente. L’acido gastrico digestivo è un aspetto intrinseco della nostra agni interiore. Questo rasa di conseguenza stimola la digestione, insieme con la pulizia del corpo e aiuta ad assorbire i minerali e altri micronutrienti dai nostri alimenti.

Lavan rasa (salato) – Se usato con moderazione, questo rasa promuove il sapore dei nostri cibi. In eccesso, il sale danneggia tessuti e cellule del corpo, innescando processi nocivi d’invecchiamento. Secondo l'Ayurveda, questo rasa è sia uno stimolante dell’appetito e della digestione, sia funge da lubrificante per i tessuti del corpo.

Katu rasa (pungente) – questo rasa è considerato aggressivo e combattivo, infiammando l'agni interiore e aiutando a purificare il corpo se gli alimenti rasa sono consumati in quantità piccole e giudiziose. Tuttavia, i cibi pungenti dovrebbero idealmente essere consumati insieme con un gusto dolce come moderatore, affinché essi non infiammino troppo, o troppo rapidamente, l'agni interno danneggiando la salute in questo processo.

Tikta rasa (amaro) – secco, raffreddante e leggero, questo rasa è reputato in grado di alleviare le febbri e le infezioni, rimuovere le tossine, sgombrare i parassiti e curare la mente e il corpo. Quando consumato con moderazione, si ritiene molto utile per supportare l'agni interiore.

Kashaya rasa (astringente) – molto raro da trovare in natura, questo rasa è ritenuto capace di prevenire l’eccessiva secrezione e la perdita di fluidi corporei – ad esempio, durante il sanguinamento, diarrea e vomito. In quantità molto basse questo rasa contrasta l'eccessiva salivazione, asciuga i tessuti corporei e smorza l'agni interiore.

In una dieta ayurvedica l'idea è quella di includere tutti i sei gusti in ogni pasto, se possibile, dal momento che ogni gusto nutre la mente, corpo, sensi e spirito nel suo modo unico. Includendo tutti i sei rasa in ogni pasto, si ritiene che si possano evitare le pulsioni di cibo ed eccessivo consumo di alcuni alimenti. Allo stesso tempo, non esiste alcuna formula impostata su come eseguire quest’operazione. La vostra costituzione, quello che la nutrigenomica va inseguendo, è l'unico fattore che determina la proporzione dei sapori che si dovrebbero consumare. Ayurveda dice che se si seguono semplicemente le vostre inclinazioni naturali, sarete guidati naturalmente verso gli alimenti adeguati che vi nutrono e mantengono in buona salute.

Eccovi un esempio:

Uno sguardo più attento al "Tikta" Rasa – il gusto amaro

Secondo i principi ayurvedici, questo rasa è asciutto, provoca raffreddamento ed è leggero nelle sue proprietà e supporta la fiamma interiore impartendo la qualità di secchezza. In generale, gli alimenti che presentano un sapore amaro sono disintossicanti per il corpo, se assunti in quantità moderata. Sono in grado di lenire il prurito e le sensazioni di bruciore, ridurre la ritenzione idrica, disintossicare il sangue e sostenere la salute del fegato.

Inoltre puliscono le papille gustative e combattono i parassiti e altre infezioni – per questa ragione sono considerati essere tonici digestivi in Ayurveda quando presi con moderazione. Inoltre si ritiene siano utili per alleviare la pesantezza e l'offuscamento del corpo e della mente.

Tuttavia, se consumati in eccesso, questi alimenti disidratano il corpo e creano gas e stipsi.

Comprendono: melone amaro, olive, orzo, pompelmo, la maggior parte dei legumi verdi e vegetali gialli tra cui cavolo, cavoletti di Bruxelles, tarassaco, ortica, spinaci, indivia, broccoli, cavolfiori, asparagi, melanzane, neem e le spezie curcuma fieno greco.

La curcuma è un agente terapeutico di Ayurveda

Oltre a mangiare verdure a foglia verde e gialla, un modo semplice per ottenere il gusto amaro nella vostra dieta lo si ottiene aggiungendo un pizzico di semi di fieno greco (in base alle preferenze di gusto), dopo averli insaporiti prima in un po' di burro chiarificato o olio di oliva extravergine, per cucinare verdure, uno stufato o un piatto di fagioli o di carne.

Allo stesso modo, la curcuma, spezia giallo dorata estratta dalla radice (nota scientificamente come Curcuma longa), è considerata sia amara sia astringente nel sistema ayurvedico. Storicamente originaria dell'India e dell'Indonesia, la curcuma è usata in India non solo come spezia, ma anche come agente terapeutico. I benefici come antiossidante e antinfiammatorio della curcuma sono stati sfruttati nella pratica ayurvedica per migliaia di anni. Secondo le più antiche tradizioni curative di Ayurveda, la curcuma aiuta a:

  • mantenere livelli sani di batteri nell'intestino

  • disinfettare tagli, ustioni, e le ferite

  • disintossicare il fegato e aumentare il flusso della bile, che è necessaria per emulsionare i grassi dietetici durante digestione

  • gestire la glicemia entro livelli sicuri

  • abbassare i livelli di infiammazione

Come procurarsi e consumare la curcuma

Sia curcuma fresca sia essiccata può essere utilizzata nella dieta. Per esempio, la curcuma fresca può essere utilizzata in soffritti e frullati, mentre la curcuma secca (in polvere) può essere comodamente aggiunta a tutti gli alimenti, tra cui curry, stufati e verdure arrostite. Come regola, circa due centimetri di radice di curcuma fresca sono equivalenti a un cucchiaio di curcuma grattugiata fresca o a un cucchiaino di curcuma secca in polvere.

I rizomi di curcuma fresca o le radici assomigliano molto alle radici di zenzero e di solito si possono trovare nei negozi di alimentari asiatici e indiani.

Le radici fresche dovrebbero essere morbide al tatto e la loro polpa arancione brillante – dopo peeling – è tipicamente terrosa, pungente e leggermente amara nel gusto. Come lo zenzero, la curcuma fresca può essere tagliata in qualsiasi forma, grattugiato, o spremuta, centrifugata, o meglio macinata con un estrattore per ottenerne il succo. Può essere conservata in frigorifero in un sacchetto di plastica o un contenitore a chiusura ermetica per un paio di settimane, o congelata per parecchi mesi.

La curcuma secca perde alcuni dei suoi oli essenziali e in piccantezza. Tuttavia, può ancora fornire un sacco di calore e colore al cibo. Di solito è di colore giallo-arancione brillante ed è il motivo per cui il curry indiano e i curry asiatici del Sud (per non parlare della senape), sono tutti di colore giallo. I magazzini asiatici e i negozi specializzati in spezie in genere avranno scorte più fresche e di migliore qualità. La curcuma secca può essere conservata in un contenitore ermetico in un luogo fresco e buio fino ad un anno.

Due semplici consigli ayurvedici per mangiare sano

In chiusura, qui ci sono due semplici consigli di dieta ayurvedica che voi potreste desiderare di utilizzare nel vostro piano o stile dietetico:

Mangiare per il vostro agni interiore (fiamma) – una regola cardinale in Ayurveda. Si dovrebbe mangiare sempre secondo lo stato del vostro agni interiore. Se non avete fame, non c'è nessuna costrizione a mangiare semplicemente perché è l’ora del vostro pasto regolare. Inoltre, la qualità, la quantità e la frequenza delle vostre abitudini alimentari può essere variata per soddisfare i vostri ritmi interiori, e questo è il modo di fidarvi del vostro istinto.

Mangiare secondo la stagione. È un semplice ma efficace consiglio. Ayurveda consiglia di mangiare cibi che riscaldano in inverno e gli alimenti che raffreddano in estate e autunno. Tutte le specie animali sanno come mangiare secondo la stagione. Ayurveda, dopo aver studiato questa intelligenza innata presente in natura, ha scritto queste leggi alimentari per la vostra convenienza e salute.

Buona salute! e buon appetito!

Chiara Saggioro, D.Sci., Ph.D.

Alfredo Saggioro, M.D.

Per sapere di più (ma in inglese)

#dieta #ayurveda #curcuma #salute #stiledivita #lifestyle

0 visualizzazioni

CONTATTACI PER UN APPUNTAMENTO

Prof. ALFREDO SAGGIORO

Gastroenterologia, Epatologia, Medicina Interna, Medicina Funzionale

 

Dr.ssa CHIARA SAGGIORO

chiara.saggioro@medicinafunzionale.org

Biologa  D.Sci., Ph.D. 

Nutrizionista  Funzionale

PER CONSULENZE CON LA DOTT.SSA SAGGIORO SCIVERE DIRETTAMENTE ALLA SUA MAIL 

PER APPUNTAMENTI PROF. SAGGIORO:

 

CENTRO DI MEDICINA

Viale Ancona 5

Mestre Tel. 0415322500

Treviso Tel. 0422698111


CENTRO MARCONI DUE

Bologna 

Tel. 348.7122608

dalle 10 alle 14 (eventualmente lasciando sms)

STUDIO SIMONACCI

Roma 

Tel.  348.7122608

dalle 10 alle 14 (eventualmente lasciando sms)

BIO-ZONE

Acireale (CT)

Tel. 3205512583

Seguimi su:

  • w-facebook
  • Twitter Clean
  • w-blogger
  • w-rss

© 2023 by Taylor.R. Proudly created with Wix.com