ACNE - Parte Seconda - La Cura

TRATTAMENTI PER L'ACNE



Quali trattamenti convenzionali esistono per l'acne (e i pro e i contro di ciascuno)

Va sottolineato come i trattamenti convenzionali più comuni siano efficaci in varia misura e tuttavia, ci sono molti aspetti negativi che riguardano alcuni di questi trattamenti.


La prima strategia che la maggior parte delle persone con acne prova è un prodotto per la cura della pelle che prende di mira la pelle incline all'acne, forse prescritta da un'estetista o attraverso il passaparola.

Potrebbe anche essere stato un contatto vin l'estetista per peeling chimico come acido glicolico, dermabrasione, trattamento laser, trattamento a luce blu e rossa o trattamenti per il viso di estrazione dei comedoni. Queste terapie possono essere utili per il trattamento dell'acne; tuttavia, non tutte cancellano l’acne attraverso questi metodi. Ciò è probabilmente dovuto alla necessità di affrontare le cause sottostanti dell'acne come ci insegna sempre la Medicina Funzionale.

Coloro che non risolvono la loro acne attraverso trattamenti topici, in genere vedranno il loro medico di famiglia per chiedere aiuto o chiederanno il rinvio a un dermatologo.

Il tuo medico di famiglia ha tre approcci di eliminazione dell'acne:

• La pillola contraccettiva orale

• Roaccutane (isotretinoina)

• Antibiotici

Ancora una volta, alcuni di questi funzionano per risolvere l'acne, tuttavia spesso, gli effetti non sono duraturi e sottopongono a rischio di effetti collaterali.

Vediamoli in dettaglio.


La pillola contraccettiva orale

Certo, se sei un uomo, la pillola nonsarà per te! La pillola è spesso prescritta alle donne perché la loro acne coincide con un ciclo mestruale irregolare o sanguinamenti pesanti, o hanno riacutizzazioni cutanee intorno al loro periodo.

Il modo in cui funziona la pillola è che maschera l'ambiente ormonale naturale di una donna. Poiché gli squilibri ormonali sono spesso la causa dell'acne, se togliete la pillola, l'acne tornerebbe. Quindi, la pillola sta mascherando il problema dell'acne, piuttosto che risolverlo.

Alcune pazienti che vediamo nella nostra clinica usano la pillola da anni - a volte dieci anni o più - per controllare la loro acne. Spesso, sono in terapia con la pillola da quando erano adolescenti, e ora vogliono rimanere incinte. Sono preoccupate per la loro acne che torna nel frattempo e per come l'acne avrà un impatto sulla loro stima e salute mentale.

Queste donne sono intrappolate in una situazione surreake: vorrebbero smettere di assumere la pillola in modo da poter rimanere incinte, ma non vogliono che la loro acne torni.

Quindi la pillola non risolve l'acne; la spegne solo per un po'.

E, naturalmente, ci sono possibili effetti collaterali con l'assunzione della pillola, come alterazioni dell'umore e l'aumento di peso, che tutte le donne vorrebbero evitare! Per non parlare della predisposizione alla malattia da reflusso gastroesofageo, all'accensione di malattie autoimmuni (in particolare della tiroide) e al rischio aumentato di cancro della mammella.


Roaccutane

Il Roaccutane è un derivato sintetico di un nutriente, la vitamina A. Questo farmaco funziona in circa il 50% dei casi; tuttavia, non sempre funziona nel lungo termine in circa il 50% dei pazienti.

L'acne si forma dove il grasso si accumula nella ghiandola sebacea, insieme a un anormale e rapido sviluppo di cellule della pelle che causano il blocco della ghiandola. I batteri che normalmente vivono sulla pelle poi si moltiplicano, poi improvvisamente hai questa lesione piena di microbi, piena di pus - un brufolo - sulla pelle.

Il Roaccutane funziona riducendo significativamente la produzione di sebo/olio nella pelle e la sovrapproduzione di cheratina, per impedire la formazione di brufoli.

Uno dei ben noti effetti collaterali di Roaccutane è il possibile danno al fegato. Ecco perché quando il tuo medico di famiglia prescrive questo farmaco, ti viene richiesto di fare un test di funzionalità epatica.

Il Roaccutane è teratogeno, il che significa che può anche causare danni ai nascituri. Quindi, quando le donne la assumono, sono incoraggiate a prendere la pillola allo stesso tempo per evitare di rimanere incinte. Qualsiasi farmaco che può causare danni a un feto è un farmaco pesante e forse dovrebbe essere usato con estrema cautela.

Roaccutane causa anche diversi effetti avversi mentre lo si assume. Poiché il farmaco riduce drasticamente la produzione di grassi, ha anche un effetto sistemico. Pertanto, molte persone sperimentano:

• Bocca secca

• Passaggi nasali secchi

• Nasi insanguinati

• Labbra secche che spesso si rompono e si dividono

• Fotosensibilità (sarà facile soffrire di eritemi solari anche importanti)

Spesso questi tipi di sintomi possono essere frustranti in quanto le persone che soffrono di acne si chiudono in casa sentendosi depresse. Alcuni pazienti riferiscono di sentirsi depressi e ci sono stati alcuni casi di ideazione suicida mentre si trovavano in terapia con Roaccutane.

Roaccutane è spesso promosso come una soluzione che risolverà immediatamente l'acne; tuttavia spesso non è così. Molte persone hanno fatto cicli del farmaco tre o più volte e la loro acne continua a tornare.

Quindi, Roaccutane non è una soluzione adatta a tutte le dimensioni, e si deve mettere in dubbio la sicurezza di assumere un farmaco del genere più volte.


Antibiotici

Gli antibiotici sono in genere prescritti per l'acne per un periodo di 6-12 mesi, per colpire il ceppo batterico, Propionibacterium acnes (Corynebacterium acnes), che è stato identificato come il microbo coinvolto nell'infiammazione nell'acne.

L'idea è che se non hai l'ambiente adatto per far crescere i batteri, si interrompa il processo di formazione dell'acne.

Tuttavia, questo approccio tratta solo una parte del problema: un microbo che causa infiammazione. Come condiviso sopra, ci sono altri fattori da considerare, motivo per cui spesso quando le persone smettono di assumere i loro antibiotici, l'infiammazione e l'acne ritornano.

L'altro aspetto negativo di questo trattamento è che gli antibiotici non prendono di mira solo un ceppo di batteri: hanno un impatto sull'intero microbioma.


Cos'è il microbioma e perché è importante?

Il tuo microbioma è una collezione unica di microbi che vivono sulla tua pelle e nel tuo corpo che influenzano la salute digestiva, la salute immunitaria, la salute del cervello, la salute della pelle e altro ancora. Il tuo microbioma è unico per te, proprio come la tua genetica. Interrompere il microbioma usando antibiotici può avere conseguenze a lungo termine per la salute. Con l'uso cronico di antibiotici, si pensa ora che il microbioma potrebbe non riprendersi mai completamente al suo stato naturale.

Il Propionibacterium acnes che è considerato responsabile della causa dell'acne è solo una parte della flora all'esterno nella nostra pelle. Molti altri ceppi di batteri vivono sulla pelle. Una ricerca emergente sta dimostrando che l'interruzione dell'equilibrio della flora è implicata nel progresso di molte malattie della pelle, tra cui acne, dermatite atopica, psoriasi, ecc., e che molte sono identificate come un aiuto per promuovere la salute della pelle.

Spazzare via i batteri è come riempire chiaramente una foresta.

Cambia l'intero ambiente e può rendere difficile reinoculare la pelle con il giusto equilibrio di batteri, che può influire negativamente sulla salute e sull'integrità della pelle a lungo termine.

Pertanto, il trattamento antibiotico non è una soluzione ideale.

Questo ci porta alla prossima strategia che non è sempre l'idea migliore - e i nostri consigli possono sembrare controtendenza: la pulizia.

Perché pulire la pelle non è il modo migliore per eliminare l'acne (e può peggiorare le cose!)

Avete visto gli annunci per prodotti per la pulizia antibatterici, come quelli contenenti benzoil-perossido come Clearasil. La pelle pulita è pelle pura. L'idea è che più pulisci, più chiara sarà la tua pelle, mentre stai eliminando i batteri "cattivi", "sporchi". Anche se quando si tratta di acne, può peggiorare la situazione piuttosto che migliorare.

Anche questo, in parte, è dovuto al microbioma sulla pelle. Con la pulizia esagerata state rimuovendo i batteri “cattivi”, ma contemporaneamente anche quelli buoni che possono aiutare la vostra pelle a migliorare.

Pertanto, trattare l'acne con antibatterici, sia topicamente che internamente, potrebbe essere un approccio imperfetto, perché si stanno continuamente uccidendo i batteri che potrebbero aiutare, e quindi interrompendo l'intero microbioma cutaneo.

L'altro motivo per cui le persone con acne tendono a esagerare con la pulizia è che sono preoccupate per la produzione di olio e vogliono ridurla, dato che causa l'acne. Sfortunatamente, molti prodotti per la pulizia dell'acne hanno questo effetto di rimuovere l’olio, facendo così il loro lavoro. Tuttavia questo rimuove lo strato protettivo superiore di sebo sulla pelle e questo fa parte degli strumenti attraverso i quali la pelle mantiene la sua integrità.

Quando l'integrità della pelle è compromessa, diventa vulnerabile all'esposizione di batteri che entrano nella pelle e a cui la pelle, di solito, non sarebbe esposta. Può anche causare più infiammazione e irritazione, già presente con l’acne, peggiorando l'acne. Questo è particolarmente il caso dei brufoli che sono scoppiati.

Il modo migliore per trattare l'acne localmente è trattarla delicatamente. Tornate alle basi e usate un detergente delicato a base di crema, tonici delicati come l'acqua di rose e idratando la pelle piuttosto che spogliarla. In questo modo, l'integrità della pelle migliorerà, l'irritazione e l'infiammazione si ridurranno, migliorando così l'aspetto della pelle.


Test che aiutano a individuare la causa dell'acne e che probabilmente non avete fatto

Test ormonale

Il primo passo che la maggior parte delle persone fa è quello di far testare i loro ormoni riproduttivi dal loro medico di famiglia.

Gli ormoni essenziali da testare sono estrogeni, progesterone, globulina legante l'ormone sessuale e testosterone - anche per le donne.

Tuttavia, sebbene questo test possa essere utile, ci sono due fattori limitanti:

1. La tempistica del test non è presa in considerazione.

Spesso, i medici non controllano dove si trova una femmina nel suo ciclo mestruale. Ci sono diversi intervalli di normalità per un ciclo, a seconda che si trova nella prima, metà o ultima metà del suo ciclo. Idealmente, è più utile testare gli ormoni di una donna il giorno 19-21 di un tipico ciclo di 28 giorni, il giorno 18 se si dispone di un ciclo più breve o il giorno 23 se si dispone di un ciclo più lungo.

2. Mostra solo la quantità totali di ormoni

Poiché questo test misura il livello di ormoni nel sangue, ci dice solo le quantità totali di quegli ormoni. Ciò che non mostra è cosa sta succedendo a questi ormoni quando vengono inviati al fegato per essere scomposti ed escreti.

Bisognerebbe pertanto misurare i metaboliti urinari degli ormoni.

Questo test delle urine misura le quantità totali di ormoni e dei loro metaboliti (prodotti di scomposizione e degradazione degli ormoni). I vostri ormoni vengono scomposti dal fegato per essere escreti nelle urine. Se rimangono in circolazione, possono causare problemi come acne, cicli irregolari o crescita eccessivamente scura dei capelli e dei peli.

Questo test può mostrare quanto testosterone c'è, così come quanto viene convertito in una forma inerte, chiamata epi-testosterone. Inoltre, mostra quanto viene convertito nella forma più potente, 5a-DHT. Come accennato in precedenza, alcune persone hanno tendenze genetiche a convertire il testosterone nella forma più potente, che è un driver chiave dell'acne.

Da lì, possiamo determinare se c'è troppo estrogeno contro progesterone, se l'estrogeno non viene scomposto correttamente dal fegato, o se il testosterone viene convertito in una forma più potente.

Verificare la presenza di PCOS

Le donne potrebbero anche voler guardare alla regolarità del loro ciclo mestruale, oltre ad avere un'ecografia pelvica per escludere PCOS.

Questo perché l'acne nelle donne sui 20 e i 30 anni è un segno di androgenizzazione, che è un aumento del testosterone (un ormone androgenico) che è uno dei criteri diagnostici di PCOS. Le altre due misure sono cicli irregolari o assenti e ovaie cistiche. È necessario soddisfare solo 2 su 3 di questi criteri per essere diagnosticati con PCOS.

Sensibilità alimentare

Poiché la sensibilità alimentare può svolgere un ruolo in alcuni casi di acne, questi possono anche essere testati per determinare se determinati alimenti sono un problema. In alternativa, è possibile intraprendere una dieta di eliminazione per identificare le sensibilità.

Analisi della salute intestinale

Se ci sono potenziali squilibri nell'apparato digerente, i test possono essere utilizzati per determinare lo stato della salute intestinale. Ad esempio, un test completo delle feci o meglio ancora un'analisi del microbiomaa per cercare la disbiosi o potenziali alterazioni della permeabilità intestinale, o un test del respiro (breath test al lattulosio o glucosio) per identificare se è presente una sovra-crescita batterica nel tenue (SIBO).


L'approccio della medicina funzionale all'acne - soluzioni per risolvere l'acne

Quindi ora abbiamo un quadro più chiaro delle cause e dei fattori chiave che guidano l'acne, così come l'approccio convenzionale e i test chiave in grado di individuare i fattori sottostanti.

Ora passiamo a come capovolgiamo le cose, iniziando con l'obiettivo di migliorare l'integrità della pelle.


Nutrienti fondamentali di cui la pelle ha bisogno per accelerare la guarigione (e come prevenire le cicatrici)

Chiunque abbia una condizione cronica della pelle deve creare più cellule della pelle di chi ha una pelle sana perché deve riparare continuamente i tessuti danneggiati. Quindi è essenziale accelerare i tempi di guarigione, oltre a ridurre l'infiammazione localizzata nella pelle.

Parte di questo può essere fatto attraverso la dieta, tuttavia spesso l'apporto nutrizionale dalla sola dieta non è sufficiente a soddisfare l'aumento della domanda di nutrienti necessari per la guarigione della pelle.

Fornire alla pelle tutti i nutrienti di cui ha bisogno per accelerare i tempi di guarigione e ripristinare l'integrità della pelle, come vitamina A, zinco e acidi grassi essenziali è spesso utile.

La vitamina A può ridurre la sovrapproduzione di sebo e cheratina, mentre lo zinco aiuta ad accelerare la guarigione della pelle, la rigenerazione dei tessuti e rafforza il sistema immunitario per proteggersi dalle infezioni batteriche.

Lo zinco può anche ridurre la conversione del testosterone in DHT, riducendo così la produzione di sebo e cheratina.

L'acido docosaesaenoico (DHA) è un acido grasso essenziale abbondante nella pelle. L'integrazione del DHA può ridurre il fattore di crescita insulino-simile (IGF-1) nella pelle e arrestare la sovrapproduzione di cheratina che porta alla formazione di brufoli.

Naturalmente, una grande preoccupazione che hanno coloro che hanno l'acne sono le cicatrici. Esistono due diversi tipi di cicatrici:

Cicatrici affossate

Questo tipo di cicatrici influisce sulla superficie o sull'architettura della pelle, dando luogo a un aspetto a tanti piccoli crateri della pelle. Questo tipo di cicatrici è permanente ed è spesso causato dalla concentrazione di brufoli.

Iperpigmentazione post-infiammatoria

L'iperpigmentazione post-infiammatoria è la deposizione del tessuto cicatriziale che causa pigmentazione nella pelle. A seconda del colore della pelle di una persona, le cicatrici possono essere rosse, viola o talvolta anche nere. Questo tipo di cicatrici può essere causato dalla concentrazione di brufoli, ma è spesso dovuto a tempi di guarigione insufficienti, quindi anche se la lesione non è più attiva, può bloccarsi per 2-3 mesi mentre si risolve. Per fortuna, questa cicatrice alla fine scomparirà.


I nutrienti sopra menzionati possono aiutare ad accelerare i tempi di guarigione, così come alcune erbe antinfiammatorie e altri composti per ridurre l'iperpigmentazione.

La liquirizia ha un effetto antinfiammamtorio, così come la niacinamide e l'idrochinone, e sono spesso utilizzate topicamente. L'idrochinone viene utilizzato principalmente per l’effetto di sbiancamento per ridurre il rossore sulla pelle.

E, naturalmente, evitare di schiacciare i brufoli è vitale, per quanto difficile possa essere quando avete brufoli pieni di pus sul viso. Provate a essere consapevoli di come state trattando la vostra acne. L'estrazione dei brufoli come trattamentioper il viso fatta da un'estetista è un'alternativa migliore, in quanto viene eseguitia con l'attrezzatura corretta in condizioni adeguate, sanitarie, evitando così ulteriori infezioni.

Una volta che l'acne è guarita (e non ci sono più lesioni attive) e non si sta assumendo alcun Roaccutane o vitamina A (perché entrambi rendono la pelle fotosensibile - con conseguente potenziale danno alla pelle), il trattamento laser può essere un'opzione per ridurre anche la pigmentazione.

Tuttavia, non tutti i trattamenti laser sono sicuri o efficaci. Un trattamento che sosteniamo è Cuetera, che è un trattamento delicato che attiva la produzione di collagene per accelerare la deposizione del collagene sulla superficie della pelle, accelerando così i tempi di guarigione.

Un'altra tecnica emergente che ha ricevuto sia pubblicazioni buone che cattive è l’arrotolamento della pelle, dove il micro trauma è causato alla pelle da molti piccoli aghi. La lunghezza degli aghi cambia e le persone possono farlo da sole, anche se ha iniziato ad essere una tecnica eseguita esclusivamente da terapisti dermatologi.

L'idea alla base dell’arrotolamento della pelle è che stimola la sintesi del collagene e accelera la riparazione. L’arrotolamento della pelle deve essere fatto sulla pelle solo quando non c'è acne attiva, poiché la pelle è già traumatizzata. È meglio far fare questo processo professionalmente, poiché si fa attenzione a farlo in un ambiente sanitario, per evitare la contaminazione dei batteri nella pelle che si sta rompendo.


Mettere tutto insieme: l'approccio della medicina funzionale all'acne

Come potete vedere, molti fattori possono contribuire all'acne e la linea d'azione dipende dalle tue circostanze uniche. Ecco perché l'approccio della medicina funzionale è personalizzato, valutando la vostra storia di salute insieme alla vostra genetica, dieta e stile di vita, per determinare la causa principale della vostra acne.

Una volta identificato, creeremo un piano di trattamento personalizzato per affrontare la causa e risolvere l'acne per sempre.

Quindi la medicina funzionale valuta:

• La tua storia di salute, compresa la salute familiare e i fattori genetici

• Produzione ormonale e metabolismo

• Efficienza di disintossicazione (pelle, viscere, fegato, reni, linfatici)

• Stress e sistema endocrino

• Salute dell'apparato digerente (microbioma)

• Salute immunitaria e infiammazione

• Fattori dietetici: sensibilità all'insulina, intolleranze alimentari

• Stato nutrizionale

• Come sostenere la salute della pelle dall'interno verso l'esterno - per accelerare i tempi di guarigione della pelle

I test funzionali saranno fatti per determinare eventuali squilibri ormonali, in particolare estrogeni, progesterone, globulina legante l'ormone sessuale e testosterone, per vedere quanto bene il vostro corpo li sta producendo, degrasando ed eliminandoli.

Una volta determinato questo, il tuo piano di trattamento prenderà un approccio mirato, sia per migliorare la produzione di un enzima coinvolto nel metabolismo ormonale, per supportare percorsi di disintossicazione ed eliminando.

Quindi, a differenza dell'approccio convenzionale che cerca di bilanciare artificialmente gli ormoni e sopprimere la normale produzione di ormoni attraverso la pillola contraccettiva, l'approccio della medicina funzionale mira a riequilibrare il sistema ormonale in modo che gli ormoni non guidino più il verificarsi dell'acne.

Verranno presi in considerazione anche fattori di stile di vita come il sonno, la riduzione dello stress e l'esercizio fisico. Ad esempio, il sonno è essenziale per la guarigione e la riparazione e l'esercizio fisico migliorerà la sudorazione, che è un modo cruciale per cui la pelle si disintossica.

Utilizzando questo approccio, i pazienti hanno maggiori probabilità di vedere un miglioramento significativo o una risoluzione della loro acne perché considera e affronta tutti i possibili fattori coinvolti nella produzione di acne.

Questo approccio aiuta anche le persone a capire cosa ha causato la loro acne e perché, così a lungo dopo essere state in trattamento se l'acne torna, sanno cosa fare per invertire la situazione.


CASO DI STUDIO: Giovanna

Giovanna aveva lottato con l'acne per nove anni, da quando aveva 16 anni. Nel corso degli anni aveva assunto tre cicli di Roaccutane e diversi cicli di antibiotici. Ogni volta, funzionava mentre prendeva entrambi i farmaci, ma non appena ha interrotto il trattamento, l'acne è tornata. Giovanna era una professionista della salute che si occupava dei propri pazienti ogni giorno, per cui questo aveva un impatto significativo su di lei sia personalmente sia professionalmente. Non le piaceva molto il suo posto di lavoro e voleva cercare un altro lavoro, tuttavia avere l'acne stava influenzando la sua fiducia in se stessa in termini di domanda per altri lavori. Dopo il test del metabolita dell'ormone urinario, sono stati identificati alcuni squilibri ormonali. La sua storia familiare indicava anche squilibri ormonali: i suoi genitori avevano avuto entrambi l'acne, e c'erano problemi di fertilità e aborti spontanei da un lato della sua famiglia. Pertanto era probabile che la genetica giocasse un ruolo. Il test delle urine ha dimostrato che disintossicare gli estrogeni era un problema, che aveva uno squilibrio estrogeno - progesterone e livelli leggermente alti di testosterone. Dopo aver affrontato questi equilibri usando farmaci a base di erbe, sostanze nutritive e fattori di stile di vita, la pelle di Giovanna ha iniziato a ripulersi. Giovanna è stata libera dall’acne negli ultimi quattro anni , senza alcuna recidiva come invece era avvenuto con Roaccutane e antibiotici.


Come sbarazzarsi dell'acne per sempre (e dei passaggi che potetefare in questo momento)

Alcuni passi che potetei fare per iniziare a migliorare la tua acne sono:

Smettete di pulire troppo. Utilizzare tipi più delicati, lenitivi e idratanti di trattamenti per la cura della pelle. Se non riuscite a staccarvi dall'uso di antibatterici, usateli oculatamente: applicandolo con una cotton-fioc solo a quelle aree dove serve applicarlo. Usate un detergente delicato a base di crema, toner delicati come l'acqua di rose e idratate la pelle piuttosto che depauperarla delle sue difese naturali.

Assicuratevi di essere ben idratati. Bere almeno 2 litri d'acqua al giorno. Tutti i sistemi di disintossicazione hanno bisogno di fluido per funzionare correttamente. L'acqua è necessaria per un buon flusso biliare, per ammorbidire il contenuto delle feci in modo da poter evacuare rapidamente, per aiutare a produrre sudore per liberare la pelle, e il sistema urinario ha bisogno di acqua in modo da essere in grado di diluire tutto ciò che sta cercando di stanare. Il colore e l'odore delle urine vi diranno se siete disidratati o meno. Se l'urina è di un forte colore giallo e ha un forte odore, è necessario aumentare il consumo di acqua.

Sudate. fare abbastanza esercizio fisico da indurre il sudore per incoraggiare la disintossicazione della pelle. L'esercizio fisico può anche aumentare la produzione di sebo, che coloro che hanno l'acne vogliono evitare, tuttavia ottimizzare la disintossicazione nella pelle ed è essenziale per la pulizia della pelle.

Gestire lo stress. Lo stress può contribuire all'acne influenzando gli ormoni che aumentano la produzione di sebo (olio) e possono causare o guidare uno squilibrio tra estrogeni e progesterone.

Fate testare i vostri ormoni. Consultare il medico e ottenere i livelli ormonali testati come minimo indispensabile. Considera il test più completo degli ormoni e metaboliti urinari.

Ottieni una valutazione olistica da parte di un praticante di medicina funzionale. Comprendere la causa principale e i driver della vostra acne è il primo passo per la risoluzione dell'acne.

La nostra clinica tratta regolarmente pazienti con acne ostinata utilizzando l'approccio della medicina funzionale all'acne. Questo approccio è personalizzato per ogni persona perché ogni persona è completamente unica in termini di chimica corporea, dieta, genetica e stile di vita.

Quindi, avere un operatore sanitario che valuti la vostra salute generale, magari eseguire alcuni test per controllare i vostrii ormoni o determinare se dieta e il stile di vita stanno causando la vostra acne, può risolvere il tuo problema di acne e contribuire a sbarazzarsi dell'acne per sempre.

L'acne potrebbe richiedere 2 o 3 mesi per migliorare e fino a 6 mesi per risolversi completamente, anche se in alcuni casi potrebbe essere necessario più tempo.

Per chiarimento o presa i cura siamo ovviamente a disposizione

csaggioro.nutrizionista@gmail.com


Buona salute!

Chiara Saggioro B.Sci., Ph.D.

Alfredo Saggioro M.D.

Per saperne di più:


28. https://www.acneeinstein.com/post-birth-control-acne/

29. https://www.betterhealth.vic.gov.au/health/helthyliving/contraception-the-pill

30. https://www.aocd.org/page/Accutane

31. Elsaie ML. Hormonal treatment of acne vulgaris: an update. Clin Cosmet Investig Dermatol. 2016; 9: 241–248.

32. Vallerand A., et al. Efficacy and adverse events of oral isotretinoin for acne: a systematic review. Br J Dermatol. 2018 Jan;178(1):76-85.

33. Magin P. et al. Isotretinoin, depression and suicide: a review of the evidence. Br J Gen Pract. 2005 Feb 1; 55(511): 134–138.

34. Pérez-Cobas AE et al. Gut microbiota disturbance during antibiotic therapy: a multi-omic approach. Gut. 2013 Nov;62(11):1591-601.

35. Bowe WP and Logan AC. Acne vulgaris, probiotics and the gut-brain-skin axis - back to the future? Gut Pathog. 2011; 3: 1.

36. Bhatia A et al. PROPIONIBACTERIUM ACNES AND CHRONIC DISEASES. 2004, National Academy of Sciences.

37. Elsaie M.L. Hormonal treatment of acne vulgaris: an update. Clin Cosmet Investig Dermatol. 2016; 9: 241–248.

38. Makrantonaki E. et al. An update on the role of the sebaceous gland in the pathogenesis of acne. Dermatoendocrinol. 2011; 3(1): 41-49.

39. Pappas A. The relationship of diet and acne. A review. Dermatoendocrinol. 2009; 1(5): 262-267.

40. Cormia F.E. Food sensitivity as a factor in the etiology of acne vulgaris. https://www.jacionline.org/article/S0021-8707(40)90389-6/pdf

41. Seladi-Schulman J. Endocrine system overview. https://www.healthline.com/health/the-endocrine-system

42. Charni-Natan M. Liver and Steroid Hormones—Can a Touch of p53 Make a Difference? Front Endocrinol (Lausanne). 219; 10: 374.

43. Singletary B.K. Estrogen and progesterone receptors in human gallbladder. Hepatology. 1986; 6(4): 574-8.

44. Andrews C.N and Storr M. The pathophysiology of chronic constipation. Can J Gastroenterol. 2011; 25(Suppl B): 16B-21B.

45. https://www.yourhormones.info/glands/kidneys/

46. https://www.betterhealth.vic.gov.au/health/conditionsandtreatments/lymphatic-syste

47. Melnick BC. Linking diet to acne metabolomics, inflammation, and comedogenesis: an update. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4507494/#

48. Ranabir S. and Reetu K. Stress and hotmones. Indian J Endocrinol Metab. 2011; 15(1): 18-22

49. Xiao E. and Ferin M. Stress related disturbances of the menstrual cycle. Ann Med. 1997; 29(3): 215-219.

50. Chen Y. and Lyga J. Brain-Skin Connection: Stress, Inflammation and skin aging. Inflamm Allergy Dryg Targets. 2014; 13(3): 177-190.

51. Salem I. et al. The gut microbiome as a major regulator of the gut-skin axis. Front Microbiol. 2018; 9: 1459.

52. Bok Lee Y. et al. Potential role of the microbiome in acne: a comprehensive review. J Clin Med. 2019; 8(7): 987.

53. Dukowicz A.C. et al. Small intestinal bacteria overgrowth. A comprehensive review. Gastroenterol Hepatol. 2007; 3(2): 112-122.

54. Bowe W.P and Logan A.L. Acne vulgaris, probiotics and the gut-brain-skin axis – back to the future? Gut Pathog. 2011; 3: 1.


Featured Posts
Recent Posts